Classifica senza errori arbitrali: la moviola della Serie A

Lunedì 27 Maggio 2019, pubblicata da francesco mattei
Foto Stadio Meazza Milano | Notizie/SanSiro_1248x600.jpg - 2281

L'ultimo turno del massimo campionato italiano è andato in archivio e come di consueto è il momento di fare il punto sugli errori arbitrali che hanno caratterizzato la 38^ giornata. All'interno dell'articolo analizzeremo tutte le dinamiche più controverse, aggiornando immediatamente la nostra esclusiva classifica Serie A senza errori arbitrali. Vi ricordiamo che, nella nostra analisi, gli errori che consideriamo tali da poter influenzare il risultato sono i rigori non concessi ma solari o quelli dati ma per cui non si ravvisa un reale intervento falloso dopo aver rivisto l'episodio alla nostra moviola. Il saldo della classifica senza errori arbitrali del campionato può variare anche per considerazioni identiche relative ai gol dubbi assegnati o meno. Nella nostra classifica senza sviste arbitrali inseriamo nella sezione degli episodi contro o a favore anche i casi dubbi su cartellini rossi estratti o tenuti nel taschino dal direttore di gara. Tali errori, però, ci teniamo a precisare, non vanno, a nostro avviso, a influenzare il risultato finale di un match e, di conseguenza, l'esito delle puntate piazzate sui siti di scommesse, a cui Superscommesse ha dedicato un super approfondimento. Nel paragrafo in basso ci concentreremo sulla moviola Serie A della 38^ giornata e faremo luce su quanto accaduto in tutte le gare di questo turno, ma, prima di avventurarci nell'analisi, presentiamo i bonus scommesse del mese: registrati per sfruttare queste promozioni.

I BONUS PIU' INTERESSANTI DEL MESE
Bookmaker Prendi il Bonus
William Hill: 215€ in palio se ti registri ora Iscriviti
Snai: 5€ senza deposito+bonus fino a 500€ Apri un conto
Stanleybet: fino a 10 euro di bonus Iscriviti ora
Betfair: 20€ subito+altri 100€ Apri un conto
Sisal: in palio fino a 225 euro  Registrati ora
Bet365: apri un conto e ricevi fino a 100 euro Apri un conto
Oppure multiregistrati su Superscommesse per averli tutti con un click

 
Insieme alla classifica virtuale di Serie A, nostra totale esclusiva, Superscommesse offre anche la più accurata comparazione quote sulle partite di campionato, per dare agli scommettitori sempre il moltiplicatore più vantaggioso, con vincite fino al 30% in più.



CLASSIFICA SENZA ERRORI ARBITRALI 2018-19 di Superscommesse

Per il sesto anno consecutivo abbiamo deciso di proporre la nostra classifica senza errori arbitrali, che tiene conto delle sviste degli arbitri, dei punti reali e di quelli virtuali, degli episodi a favore e contro ogni singola squadra che in generale hanno condizionato i risultati di Serie A. Ricordiamo che non c'è immediata correlazione tra gli episodi a favore/contro e il saldo punti. Per chiarezza facciamo un esempio: il Milan batte sul campo la Sampdoria per 1-0. Nella gara, però, si verificano due errori arbitrali, uno a sfavore del Milan (un rigore non concesso) e uno a favore dei rossoneri (un gol annullato alla Samp sullo 0-0). Dunque in tabella si segnalano da una parte un episodio a favore e uno contro. Di seguito, la classifica senza errori arbitrali Serie A aggiornata al termine del 38° turno.

Legenda: PV = Punti Virtuali, PR = Punti Reali, S = Saldo, Ep Fav = Episodi a favore, Ep C = Episodi contro.

Squadra PV PR S Ep Fav Ep C
Juventus 85 90 +5 6 2
Napoli 83 79 -4 0 5
Milan 73 68 -5 2 6
Torino 70 63 -7 4 9
Atalanta 69 69 0 1 1
Inter 67 69 +2 5 7
Roma 61 66 +5 3 1
Lazio 59 59 0 2 4
Sampdoria 54 53 -1 2 1
Spal 43 42 -1 4 1
Bologna 43 44 0 1 2
Sassuolo 43 43 0 1 2
Udinese 42 44 +2 5 3
Fiorentina 41 41 0 5 5
Parma 39 41 +2 1 2
Cagliari 39 41 +2 3 1
Genoa 39 38 -1 0 2
Empoli 38 38 0 0 1
Frosinone 25 25 0 0 0
Chievo V. 17 17 0 2 2
 
 

Moviola Serie A 38° turno: l'analisi di Superscommesse

Sotto trovate tutti i casi di moviola di Serie A, con l'analisi nel dettaglio di ogni singolo match della 38esima giornata.

  • Moviola Serie A Frosinone Chievo (0-0): nessuna sbavatura per il direttore di gara Di Martino di Teramo. Chiaramente il match tra le due squadre retrocesse in cadetteria era molto semplice da dirigere. Ottima distribuzione di cartellini, due per parte.
  • Moviola Bologna Napoli Serie A (3-2): partita non impeccabile per Aleandro Di Paolo. Manca qualche cartellino da ambo le parti. Decisivo l'intervento del Var Manganiello sul gol del 2-1 di Ghoulam. L'assistente di Di Paolo aveva in un primo momento annullato il gol dei partenopei per fuorigioco dell'algerino su lancio di Fabian Ruiz. Il terzino sinistro era tenuto in gioco da Dijks. Giusto non assegnare il penalty al Bologna per presunto fallo di Albiol su Palacio.
  • Moviola Torino Lazio Serie A (3-1): buona la direzione del direttore di gara Abisso. Giusto convalidare il gol di Iago Falque nonostante le proteste della Lazio per contatto Belotti-Acerbi. Dubbi sul punteggio di 0-0 per contatto in area granata tra Aina e Immobile. Abisso fa proseguire, non sarebbe stato clamoroso assegnare il penalty agli uomini di Inzaghi.
  • Moviola Serie A Sampdoria Juventus (2-0): ultima direzione in Serie A di Nasca. Pochissimi gli episodi da segnalare. L'unico che vale la pena evidenziare è il gol annullato a Kean. Fuorigioco dell'attaccante della Nazionale su lancio di Bentancur.
  • Moviola Fiorentina Genoa Serie A (0-0): è davvero difficile trovare episodi dubbi in una sfida segnata dalla noia. Fa bene Orsato a non assegnare il penalty dopo il contatto tra Pandev e Pezzella nell'area di rigore viola.
  • Moviola Atalanta Sassuolo Serie A (3-1): Doveri gestisce l'incontro nel migliore dei modi. Giusto assegnare la rete del pareggio a Duvan Zapata. Il pallone non sbatte mai sul braccio del bomber colombiano. Giusti entrambi i cartellini rossi sventolati da Doveri a Berardi e Magnanelli. Il primo per proteste a fino primo tempo, il secondo per doppio giallo.
  • Moviola Serie A Spal Milan (2-3): due episodi da analizzare. Giusto convalidare il gol del vantaggio dei rossoneri. La posizione irregolare di Abate su tiro di Calhanoglu non infastidisce il portiere dei padroni di casa. Corretto assegnare il rigore al Milan per fallo di Cionek su Piatek.
  • Moviola Cagliari Udinese Serie A (1-2): sufficienza piena per il giovane Manuel Volpi, alla seconda direzione in Serie A. Giusto annullare il goal del momentaneo pareggio dell'Udinese: netto il fuorigioco di Pussetto su traversone di Ter Avest.
  • Moviola Inter Empoli Serie A (2-1): qualche sbavatura di troppo per Banti. Partiamo dal rigore concesso all'Inter (poi sbagliato da Icardi) al 58°. Dragowski interviene sul pallone ma aggancia il piede sinistro del n°9 nerazzurro. Seppur la dinamica sia controversa, la scelta del direttore di gara (che ha rivisto l'episodio a bordocampo) è condivisibile. Errore, invece, al 6° minuto, quando Maietta stende sempre Icardi in area di rigore dell'Empoli. Qui il penalty era netto, ma Banti lascia correre. Nulla da dire sul goal annullato all'Inter al 94° e sulla conseguente espulsione di Keita (già ammonito): il fallo dell'attaccante interista su Dragowski è evidente: giusto sia non convalidare la rete che estrarre il secondo giallo.
  • Moviola Serie A Roma Parma (2-1): buona la prova di Mazzoleni e dei suoi assistenti all'Olimpico. Qualche protesta da parte del Parma in occasione della punizione dal limite calciata da Bruno Alves a fine primo tempo. La sfera tocca la spalla di Juan Jesus e non il braccio. Giusto pertanto lasciar proseguire.

 

Gli errori arbitrali in Serie A che hanno influito sulla classifica

Di seguito abbiamo deciso di menzionare gli errori arbitrali più importanti della stagione calcistica 2018/2019, ossia quelli che - di fatto - hanno contribuito a modificare l'esito finale di un determinato match.

Sviste arbitrali contro il Genoa

  • rigore netto non concesso ai rossoblù in Roma-Genoa: evidente fallo di Florenzi su Pandev (16a giornata). Risultato 3-2.
 

Sviste arbitrali Torino

  • fallo netto di Fazio su Iago Falque in area di rigore in Torino-Roma 0-1 (1a giornata) non ravvisato né da arbitro né dal Var.
  • annullato gol regolare a Berenguer per presunto fuorigioco in Udinese-Torino 1-1 (4a giornata)
  • rigore netto non concesso ai granata in Torino-Juve: evidente il fallo di Alex Sandro su Zaza (16a giornata)
  • fallo netto di Olsen su Belotti in area di rigore in Roma-Torino 3-2 (20a giornata) non ravvisato né da arbitro né dal Var
  • Il Toro reclama un calcio di rigore per fallo di Luca Pellegrini su Izzo. Il direttore di gara Irrati e il Var Banti lasciano correre. Errore grave, andava fischiato il penalty ai granata. (32° turno Torino-Cagliari 1-1).


Errori arbitrali contro il Sassuolo

  • rigore netto e rosso per un evidente fallo di mano di Cigarini non ravvisati nè dall'arbitro nè dal VAR in Cagliari-Sassuolo 2-2 (2a giornata)

Errori arbitrali a favore della Juve

  • rigore netto non concesso ai granata in Torino-Juve: evidente il fallo di Alex Sandro su Zaza (16a giornata). Il match termina 0-1 per i bianconeri.
  • rigore a dir poco generoso concesso alla Juventus nel match contro la Samp (19esima giornata). La palla va sul braccio di Ferrari che, però, è attaccato al corpo. Cinque minuti prima in un episodio analogo non era stato assegnato il penalty. La partita è terminata 2-1 per la Juventus.
  • errata l'interpretazione su un rigore non fischiato ai bianconeri: Khedira, all'interno dell'area di rigore del Parma, subisce un netto calcio da Gagliolo. Giacomelli non fischia e il Var non interviene, commettendo un errore. Potevano starci, infatti, gli estremi per un penalty in favore della Juventus.
  • Rigore netto non concesso al Milan. Cross di Calhanoglu pallone che tocca il braccio, largo, di Alex Sandro. Il direttore di gara richiamato dal Var Calvarese conferma la sua decisione dopo aver rivisto il monitor. Errore di Chiffi.
  • Sul punteggio di 2-1 per la Juventus al minuto 87 altro rigore negato al Milan. A palla lontana Mandzukic scalcia Romagnoli in area bianconera. Il Var non richiama l'attenzione di Fabbri. Errore grave. Oltre al rigore per il Milan andava espluso l'attaccante croato.


Errori arbitrali a favore della Fiorentina

  • Fischiato un rigore alla Fiorentina per tocco di mano di D'Ambrosio in Fiorentina-Inter (3-3) sul punteggio di 2-3 per gli uomini di Spalletti. Errore davvero molto grave per due motivi: 1) l'azione inizia con un fallo di Chiesa su D'Ambrosio, quindi prima irregolarità; 2) non avendo certezze sul tocco di mano di D'Ambrosio l'arbitro non può assegnare calcio di rigore. Infatti, è chiaro il tocco con il petto. 


Errori arbitrali contro la Spal

  • Non fischiato un rigore netto a favore nel match contro l'Inter (8^ giornata). Evidente il tocco di mano di Vecino sugli sviluppi di un corner.

Sviste arbitrali a favore della Lazio

  • Acerbi commette fallo in area di rigore su Simeone. Gli estremi per il rigore ci sono ma l'arbitro non è dello stesso avviso. Episodio avvenuto in Lazio-Fiorentina 1-0 (8a giornata).

Errori arbitrali Roma

  • fallo netto di Fazio su Iago Falque in area di rigore in Torino-Roma 0-1 (1a giornata) non ravvisato né da arbitro né dal Var.
  • Zaniolo steso in area dal terzino dell'Inter D'Ambrosio. L'arbitro non concede il calcio di rigore. A nostro avviso decisione errata. Il match, valido per la 14esima giornata, è terminato sul risultato di 2 a 2. 
  • rigore netto non concesso ai rossoblù in Roma-Genoa: evidente fallo di Florenzi su Pandev (16a giornata)
  • fallo netto di Olsen su Belotti in area di rigore in Roma-Torino 3-2 (20a giornata) non ravvisato né da arbitro né dal Var.
  • Errore grave nel secondo tempo di Roma-Milan (1-1): Kolarov atterra con una netta spinta Suso in area di rigore. C'erano gli estremi per il penalty ma Maresca non fischia e non viene richiamato dal VAR. 


Errori arbitrali Inter

  • D'Ambrosio atterra Zaniolo in area di rigore. Ci sono gli estremi per assegnare un penalty in favore della Roma ma l'arbitro non è dello stesso avviso. Il match, valido per la 14esima giornata, è terminato sul risultato di 2 a 2.


Errori arbitri Napoli 

  • Dubbi sul contatto tra Bakayoko e Insigne: il centrocampista del Milan sembra colpire prima l'esterno del Napoli e dopo la palla. Poteva starci il rigore per gli uomini di Ancelotti.
  • Sul punteggio di 1-0 per i padroni di casa rigore non fischiato al Napoli per evidente fallo di Ferrari, già ammonito, su Milik. Decisione sbagliata del direttore di gara Manganiello di Pinerolo.


Errori arbitrali Bologna

  • Goal ingiustamente convalidato a Orsolini in Lazio-Bologna 3-3 (37a giornata). L'esterno d'attacco felsineo sigla il momentaneo 2-3 sugli sviluppi di un corner. L'azione è macchiata da un evidente fallo di Destro su Armini. La rete era da annullare.

 

IMPERDIBILE: 5€ senza deposito su Snai Bonus per i nuovi iscritti, prendilo ora!
Ecco la lista completa con tutti i bonus senza deposito per scommesse
 

Var Serie A: come funziona la moviola in campo?

Con la moviola in campo diremo addio alla classifica senza errori arbitrali? Non proprio. Dalla scorsa stagione, infatti, gli arbitri possono usufruire del Video Assistant Referee, la moviola introdotta dalla Fifa per ridurre al minimo gli errori da parte dei direttori di gara durante le partite. Nonostante il grande apporto che tale supporto tecnologico fornirà al calcio italiano (ed europeo), ci sarà comunque tanto da analizzare nella nostra rubrica sugli errori arbitrali, considerando che su determinate dinamiche l'errore del direttore di gara non potrà essere eliminabile (es. fuorigioco segnalato in maniera errata nelle fasi iniziali di un'azione di gioco che si conclude con la realizzazione di un gol). Di seguito, i casi in cui il VAR può essere chiamato in causa.

Il VAR può intervenire nei casi di:

  • gol/non gol (aggiuntiva al supporto della Goal Line Technology);
  • rigori (verifica della corretta o meno assegnazione di un calcio di rigore);
  • espulsioni dirette (decise o omesse);
  • scambi di persona (in caso di estrazione di cartellino al calciatore innocente);
  • eventuale caso di gol in fuorigioco

Chi decide con la moviola in campo. Sarà l'arbitro, ovviamente, ad avere l'ultima parola sull'episodio arbitrale, ma il potere di richiedere un controllo è sia del VAR, l'assistente di bordo campo, sia dell'arbitro stesso. Nel primo caso è lo stesso responsabile della moviola a comunicare all'arbitro tramite microfono wireless la svista, mentre nel secondo è lo stesso arbitro a decidere di visionare in persona il replay, oppure chiedere direttamente al VAR la revisione della decisione, per poi comunicarla ai giocatori.

 
REGISTRATI SU SUPERSCOMMESSE! E' GRATIS!
Ogni giorno potrai vincere con gli oltre 30 pronostici dei nostri esperti, approfittando delle migliori quote e bonus, e ricevere tutti gli aggiornamenti sull'articolo 'Errori arbitrali: la classifica senza sviste' e tutte le altre news di Superscommesse.
 

Qual è la squadra che ha beneficiato maggiormente delle sviste arbitrali? Dì la tua con un commento in basso!