Schedina
Cerca Notizie

P300.it: il sito per gli appassionati di motori

Martedì 22 Giugno 2021, pubblicata da Daniele Conti
Immagine P300.it: il sito per gli appassionati di motori | Notizie/p300_1_1365x600.png - 11747

L’intervista di oggi per la nostra rubrica “Dietro le Quinte” è di Alessandro Secchi, direttore responsabile di “P300.it”. All’interno del sito potrete trovare costanti e precisi aggiornamenti sulla MotoGp e sulla Formula 1, ma se siete appassionati anche degli altri sport su quattro e due ruote, P300.it è il posto adatto dove cercare.

Lasciamo ora la parola ad Alessandro.

Buongiorno e grazie per aver accettato l'intervista. Come e quando nasce la realtà di “Passione a 300 all’ora”?

Buongiorno! P300.it (è il nome attuale del sito) nasce come “Passione a 300 all’ora” nel 2012, dalla voglia di raccontare il Motorsport con una linea editoriale il più professionale possibile e rispettosa sia dei protagonisti di cui raccontiamo le vicende che dei lettori che ci seguono. Da quest’anno siamo una Testata Giornalistica e, a maggior ragione, oggi cerchiamo di mantenere questa linea editoriale, perché crediamo sia quella più corretta dal punto di vista etico e di trasparenza nei confronti del lettore.

 

Ci parli della redazione, chi lavora insieme a Lei?

La redazione – per me è semplicemente un gruppo di amici - è formata da più di venti persone di età che varia dai 20 ai 40 anni, provenienti da più parti d’Italia. Si tratta di un gruppo collaudato, organizzato ed affiatato, che ad inizio 2021 si è ampliato con l’inserimento di nuove persone valide, competenti e soprattutto appassionate di motori. Durante i weekend di gara ci si organizza per coprire le varie categorie previste e non c’è alcun “obbligo di presenza”. Ognuno di noi ha i propri impegni personali e professionali e siamo tutti pronti ad aiutarci per portare avanti il sito, nonostante alcuni fine settimana siano davvero impegnativi con più categorie che corrono in contemporanea.

 

Come è nata la passione per il mondo dei motori?

È nata da piccolino. Come tanti bambini della mia età inventavo tracciati immaginari in cui far correre le mie Micromachines e poi, attorno ai 7/8 anni, ho iniziato a vedere le prime gare di Formula 1. Da lì non mi sono più fermato iniziando poi a seguire anche il Motomondiale. Da quando è nato P300.it, anche grazie all’influenza degli altri ragazzi, ho allargato gli orizzonti ed ora seguo tutto quello che posso, in base al tempo a disposizione.

 

I lettori che tipo di informazioni possono leggere sul sito “Passione a 300 all’ora”?

Dal seguire la sola Formula 1 agli inizi, P300.it oggi copre oltre venti categorie motoristiche a due e quattro ruote. Si tratta di un impegno importante che ci permette di offire al lettore un sito completo con tutte le informazioni di cui ha bisogno sui massimi campionati, dichiarazioni del weekend incluse. Oltre alla pura cronaca abbiamo anche blog, interviste, approfondimenti, racconti storici ed analisi sugli argomenti più caldi. Dal mese di marzo abbiamo anche iniziato a pubblicare P300 Magazine, una rivista digitale nella quale inseriamo contenuti più approfonditi sul mondo dei motori.

 

Quale rubrica/sezione presente sul sito è più seguita dai lettori?

Dal punto di vista dell’interesse gli approfondimenti, le interviste ed i racconti storici sono tra quelle più seguite, insieme alle analisi di episodi relativi ai Gran Premi.  Questo ci rende orgogliosi perché spesso determinati contenuti, come le interviste, richiedono diverso tempo per essere portate a termine prima della pubblicazione.

 

Per quanto riguarda la MotoGP, si sta vociferando in questi mesi di un ritiro dalle gare di Valentino Rossi. Chi pensa potrebbe essere il suo erede?

Questo è un argomento molto caldo. Prima di tutto dovremo scoprire se effettivamente Valentino deciderà di appendere il casco al chiodo al termine dela stagione. È sempre difficile parlare di eredi, perché di piloti come Rossi ne nasce uno ogni 15 anni e non necessariamente nella stessa nazione. Inoltre la spasmodica ricerca di un “nuovo Rossi” potrebbe costituire della pressione in più per i giovani che ora corrono nel motomondiale. Certo, lo stesso Valentino tramite l’Academy sta crescendo diversi piloti, ma credo che per diventare un campione si debba più essere sicuri di se stessi che rincorrere l’essere “l’erede di”.

 

Concluderei chiedendoLe: secondo lei, in futuro, la Formula E prenderà il posto della Formula 1 oppure queste due competizioni saranno destinate a gareggiare parallelamente?

Altro argomento spinoso. Secondo me la FIA poteva continuare a puntare sulla Formula 1 per quanto riguarda la massima prestazione senza introdurre l’ibrido, sviluppare il full electric con la Formula E e spingere proprio sull’ibrido con il WEC in quanto categoria Endurance. Questa presenza dell’elettrico in Formula 1 ed il progressivo sviluppo della Formula E nei prossimi 5/10 anni potrebbe far pensare ad un piano futuro, non solo per gareggiare parallelamente ma proprio per fondere le due categorie. Ma si tratta solo di ipotesi o forse di vera e propria utopia, al momento le differenze sono troppe per poter pensare a qualcosa di simile. Ed io, personalmente, spero che restino ognuna al suo posto!

tags:  

Eventi più giocati

14h 17m AIK S. - Halmstads
1.80(1) - 3.60(X) - 5.20(2)
14h 17m IFK G. - IFK N.
2.35(1) - 3.52(X) - 3.25(2)
14h 17m SonderjyskE - Nordsjaelland
2.62(1) - 3.40(X) - 2.75(2)
14h 17m Terek G. - FC Sochi 0.
2.75(1) - 3.15(X) - 2.80(2)
16h 02m Auxerre - Grenoble
1.95(1) - 3.50(X) - 4.20(2)
01g 14h 17m Malmoe - Glasgow R.
3.50(1) - 3.52(X) - 2.13(2)
01g 14h 17m Sparta P. - Monaco
5.00(1) - 3.80(X) - 1.80(2)
01g 15h 17m Genk - Shakhtar D.
3.20(1) - 3.35(X) - 2.40(2)
 
close
BONUS SCOMMESSE Confronta i migliori bonus di benvenuto
Goldbet
Goldbet
Bonus Benvenuto Fino a 160€
Bonus Benvenuto Fino a 160€
100% primo deposito
Sisal
Sisal
Bonus Benvenuto Fino a 400€
Bonus Benvenuto Fino a 400€
25€ sulla prima giocata
Planetwin365
Planetwin365
Bonus Benvenuto Fino a 420€
Bonus Benvenuto Fino a 420€
7€ ogni oro azzurro

il gioco è vietato ai minori di anni 18 - può causare dipendenza