sab 16 novembre dom 17 novembre lun 18 novembre oggi mer 20 novembre gio 21 novembre ven 22 novembre
  • Voto
  • ok
  • ok
  • ok
  • ok
  • ok
Voti ricevuti 4
brescia

Brescia Calcio

Il Brescia, il cui nome completo è Brescia Calcio, è una squadra di calcio lombarda, fondata nel 1911 a Brescia. Gioca le proprie gare casalinghe allo stadio Mario Rigamonti. Nella sua storia ha vinto 4 campionati di Serie B, 1 Coppa dell'Amicizia e 1 Coppa Anglo-Italiana. Nella stagione 2019 2020 il Brescia è protagonista nel calendario
Notizie Statistiche Storia Calendario brescia Bacheca
Il Brescia, il cui nome completo è Brescia Calcio, è una squadra di calcio lombarda, fondata nel 1911 a Brescia. Gioca le proprie gare casalinghe allo stadio Mario Rigamonti. Nella sua storia ha vinto 4 campionati di Serie B, 1 Coppa dell'Amicizia e 1 Coppa Anglo-Italiana. Nella stagione 2019 2020 il Brescia è protagonista nel calendario di Serie A, dopo aver vinto il campionato cadetto nella passata annata con relativa promozione.

Risultati Brescia oggi e classifica

Nella stagione 2019 2020 il Brescia, dopo la vittoria nel campionato cadetto della passata annata con relativa promozione, è protagonista in Serie A. L'obiettivo delle rondinelle è ovviamente quello di ottenere la salvezza. Come allenatore è stato confermato Eugenio Corini. Lo stesso però è stato esonerato a stagione in corso e sostituito da Fabio Grosso. Gli elementi più rappresentativi della rosa del Brescia sono il promettente mediano Sandro Tonali, l'attaccante Balotelli, acquistato dal Marsiglia, il difensore centrale Magnani, arrivato in prestito dal Sassuolo, la punta Donnarumma, e il capitano, il difensore centrale Daniele Gastaldello.


Palmares Brescia

Nel proprio palmares il Brescia vanta 4 campionati di Serie B (1964/65, 1991/92, 1996/97 e 2018/19), un campionato di Serie C (1938/39), un campionato di Serie C1 (1984/85), oltre a 1 Coppa dell'Amicizia (1967) e a 1 Coppa Anglo-Italiana (1993-94). Il miglior risultato raggiunto in Serie A è l'ottavo posto al termine della stagione 2000-01. In campo internazionale il Brescia ha raggiunto la finale di Coppa Intertoto nel 2001, sconfitto dal Psg.


Rosa Brescia 2019 2020

Portieri Brescia: Enrico Alfonso, Jesse Joronen, Lorenzo Andrenacci
Difensori Brescia: Giangiacomo Magnani, Andrea Cistana, Jhon Chancellor, Daniele Gastaldello, Bruno Martella, Ales Mateju, Felipe Curcio, Stefano Sabelli, Massimiliano Mangraviti, Alessandro Semprini, Romulo
Centrocampisti Brescia: Mattia Viviani, Nikolas Spalek, Jaromir Zmrhal, Daniele Dessena, Leonardo Morosini, Luca Tremolada, Emanuele Ndoj, Sandro Tonali, Dimitri Bisoli
Attaccanti Brescia: Ernesto Torregrossa, Alfredo Donnarumma, Mario Balotelli, Florian Ayè, Alessandro Matri


Storia Brescia calcio

Il Brescia Foot Ball Club viene fondato nel 1911 dall'idea di far confluire in unico sodalizio le formazioni calcistiche locali di Victoria, Unione Sportiva Bresciana e Gimnasium. La squadra appena nata prese parte al campionato di Promozione lombarda, ma nel 1913 partecipò alla massima serie per volere della Federazione. Negli anni '20 dopo la ripresa a seguito della Prima Guerra Mondiale, il Brescia partecipò al campionato di Serie A, non ancora unificato nel girone unico. Gli anni '30 furono altalenanti per i bresciani, infatti la squadra retrocesse per due volta nella serie cadetta, nelle stagioni 1931/32 e nel 1935/36, e una volta in Serie C nella stagione 1937/38. Il compito di guidare la società alla risalita fu affidato a Pier Carlo Beretta e sulla panchina Frisoni. Il club lombardo oltre a risalire in Serie B nella stagione 1938/39, raggiunse la massima serie nel 1942/43 per retrocedere nuovamente nel 1946/47. 

Dagli anni 50 al 2000 tanti saliscendi tra serie C e Serie A
Gli anni '50 furono deludenti a causa delle mancate promozioni in Serie A. Gli anni '60 invece furono caratterizzati da vari Sali scendi tra Serie A e Serie B. Iniziò allora uno dei periodi più neri nella storia del Brescia Calcio: per dieci anni la squadra fece fatica ad arrivare nelle prime dieci posizioni della cadetteria e per tre volte (1972-1973, 1976-1977 e 1977-1978) sfiorò la retrocessione in Serie C. La provvisoria risalita in Serie A grazie al terzo posto del 1979-1980 non siglò la fine delle difficoltà, in realtà fu solo una breve boccata d'ossigeno per la società e la tifoseria. Gli anni '80 non furono molto diversi da quelli precedenti. Anche negli anni '90 le “rondinelle” passarono incessantemente dalla Serie A alla Serie B, ma riuscirono a conquistare il Trofeo Anglo-Italiano nel 1993/94. Nel 1999 comincia la fortunata collaborazione con il direttore sportivo Gianluca Nani, sulla panchina arrivò Sonetti e la squadra raggiunse la promozione in A. 

Da Baggio alla stagione 2006-07
In estate il presidente Luigi Corioni effettuò una mossa a sorpresa acquistando Roberto Baggio e cambiò anche l'allenatore grazie al contratto firmato da Carlo Mazzone. Nei quattro anni di Baggio il Brescia ottenne altrettante salvezze ma la stagione successiva al suo ritiro, quella del 2004/05, retrocedette nuovamente in Serie B. Nella stagione 2005-2006 sulla panchina delle rondinelle arriva Rolando Maran. Nonostante le prestazioni della squadra siano buone, attestandosi tra le prime tre della classe, il presidente Corioni decide a sorpresa di esonerare il tecnico a stagione in corsa chiamato alla guida Zdenek Zeman, con la giustificazione di voler puntare alla promozione diretta anziché ai playoff. Le cose tuttavia non vanno come previsto, e i lombardi si ritrovano addirittura fuori dalla zona playoff. L'annata successiva vede inizialmente Mario Somma alla guida tecnica. L'ex allenatore dell'Empoli viene però sostituito da Serse Cosmi, che riesce a raggiungere la zona playoff. Gli spareggi non verranno tuttavia disputati in virtù degli oltre dieci punti di vantaggio della terza sulla quarta. 

Anni ancora di anonimato in Serie B 
Per il 2007-2008 Cosmi viene confermato, qualificandosi per il playoff ma venendo eliminato in semifinale dall'Albinoleffe. Il 2008-2009 vede il ritorno di una delle icone societarie sulla panchina biancoblu, Nedo Sonetti. L'esperienza è però contraddistinta da vari dissidi con la presidenza, e culmina con l'esonero nel finale di stagione, in cui Alberto Cavasin viene chiamato a dirigere la squadra. Il Brescia accede alla finale playoff contro il Livorno, ma dopo il 2-2 del Rigamonti cede malamente al Picchi venendo sconfitto per 3-0 dai labronici e vedendo sfumare il sogno promozione. Anche l'esperienza di Cavasin non è duratura e nella stagione successiva, viene esonerato in seguito a una serie di risultati negativi. Corioni chiama Giuseppe Iachini al timone della squadra. Le rondinelle si riprendono inanellando una serie di risultati utili ma sciupando malamente l'occasione di esser promossi direttamente all'ultima giornata, quando venendo sconfitti dal Padova si vedono scavalcati dal Cesena contemporaneamente vincitore a Piacenza. I lombardi, per la terza volta consecutiva, sono così costretti a passare per le Forche Caudine dei playoff. Stavolta però riescono nell'impresa, sconfiggendo il Torino in finale e conquistando l'agognata promozione.

La stagione 2010-11 in A
Il ritorno in massima divisione spinge la società ad operare in maniera importante sul mercato. Con l'obiettivo di inaugurare un nuovo ciclo in Serie A, Corioni chiama alla corte di Iachini giocatori del calibro di Zebina, Diamanti, Kone e Antonio Filippini. La prima parte della stagione evidenzia un Brescia spumeggiante, in grado di attestarsi in zona europea. I lombardi non riescono però a confermare il trend e con il passare delle giornata cominciano a perdere punti pesanti, portando persino all'esonero di Iachini, avvicendato da Mario Beretta. L'ex allenatore del Siena non riesce a migliorare la situazione e, dopo poche giornate, viene clamorosamente esonerato, per far spazio al ritorno di Iachini. Inizialmente l'allenatore della promozione riporta entusiasmo e la squadra riprende contatto con la zona salvezza, ma le sconfitte con Milan e Genoa tagliano le gambe alla squadra che al termine del campionato torna mestamente tra i cadetti.

Ancora tanta Serie B
La retrocessione crea non poco scompiglio nell'ambiente bresciano. Le spese supportate la stagione precedente infatti incidono pesantemente sul bilancio e la maggior parte dei giocatori importanti vengono venduti, in luogo di molti giovani provenienti dal vivaio. Sulla panchina inizialmente siede l'esordiente Giuseppe Scienza, la cui esperienza non è tuttavia positiva, tanto da esser sollevato dall'incarico e sostituito da Alessandro Calori. Il Brescia risale la china e nel finale di stagione sfiora la zona playoff. Spareggi a cui Calori approda l'anno successivo, dopo una stagione a luci alterne, con alcune vittorie fondamentali nel finale (su tutte quella con il Varese). I biancoblu sfidano il Livorno in semifinale ma, come tre anni prima, sono gli amaranto ad avere la meglio dopo due 1-1 che condannano i lombardi in virtù della peggior classifica.
Nel 2013-2014 il Brescia vive un profondo momento di crisi societaria. Il club rischia infatti di non iscriversi e lo sponsor, UBI Banca, per concedere un prestito di 5 milioni finalizzato a saldare gli stipendi arretrati, chiede e ottiene le dimissioni di Luigi Corioni, che viene sostituito da Luigi Regazzoni, già presidente del collegio sindacale del Brescia Calcio. La squadra termina il campionato al tredicesimo posto, cambiando ben tre allenatori (Giampaolo, Bergodi, Iaconi). 

La retrocessione, il ripescaggio e l'avvento di Cellino col Brescia di nuovo in A
Nel 2014-15 il penultimo posto del Brescia in Serie B non porta conseguenze, in quanto il fallimento di altri club permette alla squadra lombarda di permanere nella cadetteria. L'anno seguente la squadra raggiunge una comoda salvezza, senza però competere per i piani alti della classifica. Un risultato simile arriva anche nella stagione successiva con le rondinelle salve direttamente nonostante il cambio di allenatore (Cagni al posto di Brocchi). Nell'estate del 2017 la squadra viene rilevata dall'imprenditore Massimo Cellino per 6,5 milioni di euro. Nonostante ciò il club ottiene la salvezza solo all'ultima giornata grazie al pari sul campo dell'Ascoli. La musica però cambia nella stagione 2018-2019. Il Brescia infatti vince con 2 giornate di anticipo il campionato e ritorna in Serie A a distanza di 8 anni dall'ultima volta.
Pausa di campionato di novembre dedicata alle nazionali ed è il momento migliore per fare il punto sulla classifica di Serie A 2019 2020. Dopo i primi dodici turni di campionato la
La massima serie italiana tornerà dopo la sosta prevista per le nazionali ma è già tempo di focalizzare l'attenzione sulle probabili formazioni Serie A della tredicesima giornata. Riflettori puntati, ovviamente, sulle due
Il calendario della Serie A dopo la sosta per le Nazionali, riparte sabato 23 novembre con ben tre sfide di cartello. Alle 15:00 la Juventus farà visita all'Atalanta di Gasperini. Alle 18:00 il Napoli sarà ospitato dal Milan a San Siro. Alle 20:45 l'Inter, seconda in classifica,
La 12° giornata di campionato è stata ricca di episodi arbitrali da analizzare. Nei seguenti paragrafi focalizzeremo l'attenzione sugli errori arbitrali del turno in questione, analizzando tutte le dinamiche più controverse e aggiornando
Tanti verdetti ancora da emettere nel campionato cadetto quando mancano soltanto 90' alla conclusione della stagione. Sarà un sabato carico di emozioni con tutte le sfide dell'ultimo turno in contemporanea, nove match i cui risultati potrebbero riscrivere la classifica della Serie
09­-11­-2019 Risultato Brescia - Torino Italia - Serie A 0:4 P Marcatori: 0:1 (17.) A.Belotti (pen), 0:2 (26.) A.Belotti (pen), 0:3 (75.) A.Berenguer, 0:4 (80.) A.Berenguer 03­-11­-2019 Risultato Verona - Brescia Italia - Serie A 2:1 P Marcatori: 1:0 (50.) E.Salcedo, 2:0 (81.) M.Pessina, 2:1 (85.) M.Balotelli 29­-10­-2019 Risultato Brescia - Inter Italia - Serie A 1:2 P Marcatori: 0:1 (23.) L.Martinez, 0:2 (63.) R.Lukaku, 1:2 (76.) M.Skriniar (og) 26­-10­-2019 Risultato Genoa - Brescia Italia - Serie A 3:1 P 21­-10­-2019 Risultato Brescia - Fiorentina Italia - Serie A 0:0 N
Mercoledì 18 Dicembre 2019 - ore 20:45
Italia > Serie A 1.421.42 - quote betclic Serie A 1.551.55 - quote betclic Serie A 1.321.32 - quote betclic Serie A
Domenica 24 Novembre 2019 - ore 15:00
MASSIMA VINCITA + 25%
Italia > Serie A 1.371.37 - quote betclic Serie A 5.105.10 - quote unibet Serie A 10.0010.00 - quote matchpoint Serie A
Sabato 30 Novembre 2019 - ore 15:00
MASSIMA VINCITA + 22%
Italia > Serie A 7.007.00 - quote williamhill Serie A 4.754.75 - quote bwin Serie A 1.501.50 - quote betclic Serie A
 
Differenza di vincita tra
il miglior e il peggior bookmaker
Lascia il tuo commento
 
La tua Email
Username
Aggiungi un commento (max 1000 caratteri)
Avvertimi quando ci saranno nuovi commenti

Ho più di 18 anni, ho letto e accetto le condizioni generali. Leggi l'informativa sulla privacy

Schedina
Singola
Multipla
Sistema

La tua schedina è vuota!
per selezionare una scommessa scegli l'evento e clicca sulla quota,
oppure parti da una delle nostre schedine fortunate
inizia con
Usa Schedina Fortunata
scommetti con il coupon di superscommesse.it!   scommetti con superscommesse.it!

Complimenti!
hai aggiunto una nuova giocata!


Fondazione: 1911
Stadio: Mario Rigamonti
Società: Brescia Calcio
Presidente: Massimo Cellino
Direttore Sportivo: Francesco Marroccu
Allenatore: Fabio Grosso
Sede: Brescia - BS
Colori Sociali: Azzurro E Bianco

Classifica Brescia

Posizione P.ti G V N P
1)  Juventus 32 12 10 2 0
2)  Inter 31 12 10 1 1
3)  Cagliari 24 12 7 3 2
4)  Lazio 24 12 7 3 2
5)  Roma 22 12 6 4 2
6)  Atalanta 22 12 6 4 2
7)  Napoli 19 12 5 4 3
8)  Parma 17 12 5 2 5
9)  Fiorentina 16 12 4 4 4
10)  Verona 15 12 4 3 5
11)  Torino 14 12 4 2 6
12)  Udinese 14 12 4 2 6
13)  Sassuolo 13 11 4 1 6
14)  Milan 13 12 4 1 7
15)  Bologna 12 12 3 3 6
16)  Lecce 10 12 2 4 6
17)  Sampdoria 9 12 2 3 7
18)  Genoa 9 12 2 3 7
19)  Spal 8 12 2 2 8
20)  Brescia 7 11 2 1 8
Punti Giocate Vinte Nulle Perse