Alessandro Sesti di iotifojuventus.com: Sarri in pole per la panchina bianconera

Martedì 21 Maggio 2019, pubblicata da Martina Carella
Immagine Alessandro Sesti di iotifojuventus.com: Sarri in pole per la panchina bianconera | iotifojuventu_2762x600.jpg - 11498

Oggi a Dietro Le Quinte abbiamo potuto intervistare Alessandro Sesti, direttore e fondatore di iotifojuventus.com, il sito dedicato ai tifosi della squadra che ha vinto ben 8 scudetti di fila. Ci siamo fatti raccontare la storia del suo sito, chi sarà il prossimo allenatore della Juventus e molto altro ancora.

 

Buongiorno Alessandro, come e quando nasce iotifojuventus.com?

IoTifoJuventus.com nasce dall’esigenza di avere una voce che non fosse di stampo giornalistico ma più vicina ai tifosi e alle persone comuni. La nostra redazione non è composta da giornalisti, ma da tifosi juventini (come lo sono io). Parlar male della Juventus è ormai un metodo diffuso per farsi pubblicità, per attirare simpatie degli anti-juventini e per giustificare i propri errori. Noi eravamo stanchi di sentire e leggere opinioni faziose e antisportive, così a Febbraio 2018 abbiamo deciso di dar vita a questo progetto web (sito internet) e social (Instagram, Facebook, Twitter).

 

Com'è nata la passione per il calcio?

La mia infanzia ha avuto la fortuna di trascorrere parallelamente alle grandi stagioni della Juventus di Trapattoni, con giocatori come Zoff, Scirea, Cabrini, Bettega, Causio, Rossi, Platini e tanti altri campioni, è stato amore a prima vista per i colori bianconeri. Come la maggior parte dei ragazzini pensa, tirando calci ad un pallone, anche io sono stato un potenziale campione, un “talento calcistico inespresso”, la mia vita ha seguito altre strade ma mi sarebbe piaciuto dedicarmi al calcio professionistico.

 

Quale è il segreto per mantenere un format come questo?

I segreti per il successo del nostro format sono gli stessi del mondo del calcio: Passione, Lavoro, Talento e Fortuna. Nel nostro caso la passione non manca e la fortuna ci sta premiando, siamo un progetto giovane ma cresciuto molto rapidamente, non ci resta altro che continuare a lavorare.

 

Quali sono gli argomenti che attraggono maggiormente i lettori?

In Italia siamo tutti “allenatori”, il sogno di tutti i tifosi è quello di sedere per un giorno sulla panchina della propria squadra del cuore e tutti siamo convinti che faremmo meglio di qualsiasi altro CT. Quindi le scelte di quali giocatori schierare e con quale modulo appassionano molto i lettori e a Noi piace tirarli spesso in causa con sondaggi e pronostici. Naturalmente il calciomercato ha sempre un grande fascino, per qualche mese possiamo sognare che arriverà il campione dei nostri sogni e certe volte questi sogni si avverano come il caso l’anno scorso di Ronaldo.

 

Secondo lei, oltre all'aspetto economico, l'investimento di Ronaldo è stato utile alla Juventus?

Ronaldo è un campione assoluto, quest’anno è stato determinante in tantissime partite, sia in campionato che in Champions League. Oltre al contributo tecnico che apporta alla squadra è impressionante l’aspetto psicologico, la sua voglia di attaccare e vincere in tutte le partite. Questo aspetto sarà ancora più importante l’anno prossimo in cui sono convinto che, grazie a lui, vedremo crescere anche molti altri giocatori della rosa.

 

Quali saranno a suo avviso i nomi che scalderanno il prossimo mercato della Juventus?

Il calciomercato è un rebus non facile e i pronostici sono molto complicati. Sono sicuro che la Juventus vorrebbe acquistare giocatori come: de Ligt, Salah, Pogba, Isco, Mbappé ma questi campioni sono difficilissimi da raggiungere. La rosa della Juventus è già molto competitiva, quindi rinforzarla ulteriormente sarà un sfida difficile, ancora più difficile alla luce di due altri motivi: quest’anno non ci saranno investimenti pari a quelli dello scorso anno (a meno di importanti cessioni); squadre importanti (Real Madrid, PSG, diverse squadre inglesi) con grandi mezzi economici hanno la necessità di ricorrere al mercato mentre altre come Barcellona e Liverpool non hanno questa necessità ma sicuramente non si faranno mancare grandi colpi. La Juventus a mio parere ha bisogno di almeno un grande giocatore per reparto e per non sottrarmi al Vostro gioco faccio 3 nomi (rischiando la figuraccia):  Ruben Dias, Zaniolo, Salah.

 

Ci lasci con un "pronostico": chi sarà il prossimo allenatore della Juventus?

Il profilo ideale del prossimo allenatore della Juve sarebbe Zidane ma dubito che lasci il Real Madrid dopo pochi mesi dal suo arrivo. Conte poteva essere un’ottima alternativa, ma sembra che Agnelli non gli abbia ancora perdonato la rottura di qualche anno fa. Credo che i due candidati più probabili siano Inzaghi e Sarri e a mio avviso la scelta ricadrà sul secondo. Quindi dico Sarri.

tags: