Tutto Calcio Catania: " Il calcio e lo sport sono un veicolo trainante dell’economia del Paese "

Lunedì 7 Maggio 2018, pubblicata da Martina Carella
Immagine Tutto Calcio Catania:

Dietro Le Quinte ha il piacere di presentare l'intervista a Livio Giannotta, direttore responsabile di Tutto Calcio Catania, il portale di informazione sportiva dedicato alla squadra etnea . Con lui abbiamo parlato del sito e della sua passione per lo sport. Buona lettura.

 

Buona lettura.Buongiorno direttore, come e quando nasce Tutto Calcio Catania?

 

Tutto Calcio Catania si propone come sito di riferimento per i tifosi rossoazzurri sparsi in Italia e nel mondo, offrendo aggiornamenti continui e costanti sulle vicende della squadra etnea, la quale ha fatto parte del calendario serie A per 17 campionati. Ha aperto ufficialmente i battenti nel 2007 fornendo un servizio apprezzato da utenti e addetti ai lavori, come conferma il notevole incremento di accessi osservato negli anni.

 

Come nasce la sua passione per il calcio?

 

Ho cominciato a seguire questo sport all’ età di 6 anni. 1990, non potrò mai dimenticarlo. Coincideva con la disputa dei Mondiali di calcio in Italia. Un evento che strinse tutto il Paese, unito per quei colori azzurri con il sottofondo del celebre brano musicale “Notti magiche”. La Nazionale seppe suscitarmi emozioni a mai finire. Peccato solo che le prodezze di Schillaci e compagni non bastarono per concludere il percorso sul tetto del mondo.

 

Qual è il segreto per far funzionare un format come questo?

 

Impegno, costanza, passione. Quando nacque il progetto, il livello di diffusione dei social network era poco significativo e, di conseguenza, diventava molto più complicato mostrarsi al pubblico partendo da zero. Oggi, invece, i social fanno parte della vita di tutti i giorni e diventano una preziosa risorsa da sfruttare. Lungo il percorso sono stati effettuati decisi passi avanti. Il più importante, la trasformazione in testata giornalistica nel 2013 che ha permesso di “professionalizzare” il processo di crescita del sito.

 

C’è differenza tra il calcio d’oggi scandito e gonfiato dal gossip e tv, e il vecchio calcio di “Tutto il calcio minuto per minuto”?

 

Non c’è paragone. Sono mondi completamente differenti perché è cambiata la struttura della società in cui viviamo, dominata dai mass media e dalle nuove tecnologie. Oggi tutto fa notizia. E’ cambiato il modo di fare calcio ma anche di praticare il giornalismo sportivo. Non sempre nel rispetto dell’etica professionale.

 

Che cosa manca al Catania per tornare a giocare nel calcio che conta?

 

Il Catania è reduce da stagione nefaste. Il doppio salto dalla Serie A alla Lega Pro sarebbe stata una mazzata per chiunque. La società è andata molto vicina al fallimento. Con il ritorno del dirigente Pietro Lo Monaco sono state gettate le basi per il risanamento finanziario, aspetto fondamentale perché solo un club in salute può determinare una seria ed oculata programmazione. In questa stagione è stata elaborata una strategia di rilancio sportivo, valorizzando anche tanti giovani appetiti da società di categorie superiori che assicureranno delle importanti plusvalenze. La tifoseria, però, chiede a gran voce di riappropriarsi di un territorio più consono alle aspettative di una piazza che, in Serie C, porta 10.000 spettatori allo stadio. Addirittura 20.000 poco tempo fa in occasione del derby con il Trapani. Adesso, svanita la possibilità di agganciare il Lecce al primo posto nel girone C, tutto si deciderà ai Play Off per i quali al momento non ci sentiamo di fare pronostici. Urge ritrovare brillantezza, serenità e limare il più possibile i limiti sul piano del gioco che questa squadra evidenzia, nonostante sia in possesso di ottime individualità ed esperienza.

 

Cosa cambieresti nel mondo sportivo italiano ammesso che tu voglia cambiare qualcosa?

 

Bisognerebbe mettere al centro dell’attenzione l’interesse per il calcio e lo sport in generale. Partendo innanzitutto dalle basi, quindi la realizzazione di strutture moderne e funzionali, incentivare i giovani all’ utilizzo di una sana ed efficiente pratica sportiva, dotarsi di figure professionali qualificate per non alimentare la cultura del sospetto e massimizzare il livello di competitività del nostro sport su scala internazionale. Servono regole chiare, certe, adattando i valori “genuini” di un tempo alla società attuale. Prendendo anche spunto, perché no, da modelli esteri apprezzabili e sviluppando nuove competenze. Serve un cambiamento. Il calcio e lo sport sono un veicolo trainante dell’economia del Paese e di promozione del territorio.

 

A cura di Caterina Fusi

tags:  
100€ subito

Scade oggi! Affrettati!

255% sport

Scade oggi! Affrettati!

20€ subito

Scade oggi! Affrettati!

bonus 225€

Scade oggi! Affrettati!

100€ bonus

Scade oggi! Affrettati!

Eventi più giocati

08m Giappone - Senegal
3.25(1) - 3.15(X) - 2.70(2)
03h 08m Polonia - Colombia
3.80(1) - 3.50(X) - 2.40(2)
23h 08m Uruguay - Russia
2.62(1) - 3.20(X) - 3.25(2)
23h 08m Arabia S. - Egitto
5.25(1) - 3.60(X) - 1.90(2)
01g 03h 08m Spagna - Marocco
1.36(1) - 5.25(X) - 12.00(2)
01g 03h 08m Iran - Portogallo
8.75(1) - 4.35(X) - 1.75(2)
01g 23h 08m Danimarca - Francia
5.25(1) - 3.65(X) - 2.35(2)
01g 23h 08m Australia - Peru
3.40(1) - 3.50(X) - 2.50(2)