Top Calciatori Football Manager - Fenomeni virtuali, bidoni reali

Giovedì 28 Settembre 2017, pubblicata da joker
Immagine Top Calciatori Football Manager - Fenomeni virtuali, bidoni reali | 699_.jpeg - 9448

Tutti gli amanti del calcio si saranno sentiti almeno una volta in grado di gestire una squadra e portarla alla vittoria grazie a Football Manager, il gioco manageriale più amato di sempre. Un'avventura virtuale coinvolgente a tal punto da confondersi con la vita di tutti i giorni, generando episodi divertenti e surreali. In Inghilterra, ad esempio, se si arriva in finale di coppa, i manager sentono l'esigenza di vestirsi adeguatamente per il grande evento, pronti a guidare la propria squadra virtuale indossando rigorosamente giacca e cravatta; un altro curioso caso è quello di Vugar Huseynzade, che grazie alle sue capacità manageriali dimostrate nell'ultimo decennio nel vidogioco fu assunto come allenatore dell'FC Baku. Realtà e mondo virtuale che si miscelano e si sovrappongono, Football Manager non è un semplice gioco. Il lavoro della rete degli osservatori del videogame è assolutamente affidabile e fornisce un database ampio e pieno zeppo di dati utili, considerando la  totale copertura dei campionati mondiali che lo rendono un prezioso strumento perfino per alcune società professionistiche.
Nonostante ciò, qualche errore di valutazione può sempre capitare, come nel caso di quei giocatori che "non riescono ad esprimere lo stesso potenziale sia nei pc che negli stadi reali.

Le 3 quote più gettonate sulla stagione calcistica 2017/2018 Snai Eurobet
Manchester City vince Champions League 10 9.50
Milan trionfa in Europa League 6.50 5.50
Argentina vince i Mondiali 2018 10.00 9.00

 

Top calciatori Football Manager

Di seguito, abbiamo stilato la lista dei Top fenomeni di Football Manager che, nella realtà del calcio giocato, sono risultati veramente scarsi. Oppure molto forti nella realtà, ma dall'identità tenuta volutamente segreta.

 
1. MAXIM TSIGALKO (Scudetto 01/02)
 
 
Promettente punta bielorussa della Dinamo Minsk, nel gioco era un cecchino infallibile, capace di segnare anche 6/7 gol a partita. Nella realtà? Solo una buona annata nella sua squadra natia e poi il ritiro a 26 anni per via di moltissimi infortuni.
 
2. CHERNO SAMBA (Scudetto 00/01)
 
 
 
Leggenda narra che a 13 anni fece 132 reti in 32 partite nel campionato in cui militava e tutta l'Inghilterra impazzì per lui: nel futuro si accasò prima nel Millwall e poi nel Cadice senza mai esordire per poi cadere nel più totale anonimato.
 
3. TONTON ZOLA MOUKOKO (Scudetto 00/01)
 
 
 
Definito il "Maradona del Ghana", divenne addirittura sponsor della SEGA e del gioco stesso, essendo uno dei migliori di quella edizione. Nel calcio reale, uscì fuori dalle giovanili del Derby County per poi perdersi nei campionati minori svedesi.
 
4. VITALY KUTUZOV (Scudetto 00/01)

 
 
Esploso nel Bate Borisov, nel gioco era un vero e proprio fenomeno con valore 20 di finalizzazione e 20 di tecnica. Acquistato dal Milan, fu ridimensionato dal calcio italiano per poi finire tra le fila di Avellino, Pisa e Bari. Curiosità: il buon Vitaly avrebbe effettuato, ai tempi dello Sporting Lisbona, l'assist per il primo gol della carriera di Cristiano Ronaldo. In un'intervista l'attaccante bielorusso ha millantato anche di essere stato preso dal portoghese come modello di calciatore. E non a Scudetto.
 
5. FREDDY ADU (Football Manager 06)
 
 
Addirittura etichettato come il nuovo Pelè, esplose negli Usa quando ancora di talenti ce ne erano ben pochi. E pensare che passò subito in sordina senza lasciare il segno: ad oggi, dopo aver fallito in un provino con l'Az Alkmaar, si è accasato ai Tampa Bay Rowlies, una formazione che milita in una lega minore statunitense.
 
6. KERLON (Football Manager 06)
 
 
Soprannominato "Foquinha" (piccola foca) perché capace di dribbling funambolici grazie al palleggio di testa, venne acquistato dall'Inter a 20 anni e girato in prestito al Chievo Verona: solo 4 presenze e 0 gol. Al momento milita nel campionato slovacco ma in quel Football Manager era di sicuro il trequartista più forte in prospettiva.
 
7. ANDREY MILEWSKI (Scudetto 99/00)
 
Altro giocatore bielorusso, come Tsigalko, ad essere sopravvalutato. Nel gioco faceva tutto tranne il portiere, dall'esterno di difesa alla prima punta. Il risultato? Un fenomeno di 22 anni che costava pochissimo. Nella realtà durò un paio di anni ad alti livelli in patria, poi il nulla più totale nel triste calcio dell'est.
 
8. MARK KERR (Scudetto 00/01)
 
 
Centrocampista scozzese del Falkirk, dalla scheda sembrava di acquistare Edgar Davids. Chi lo comprava, aveva una diga a centrocampo, capace di impostare il gioco e segnare. Nella realtà, una carriera modestissima in patria e una tentata in Grecia nell'Asteras Tripoli. Il Kerr famoso è rimasto senza dubbio Steve, il famoso allenatore dei Golden State Warriors.
 
9. JULIUS AGHAHOWA (Scudetto 04/05)
 
 
Tra questi, forse è il più conosciuto, avendo militato anche in squadre come lo Shakhtar Donetsk. Dopo la parentesi con gli ucraini fino al 2007, niente di più. Da ricordare il titolo di capocannoniere con la Nigeria nella Coppa d'Africa del 2002 e per questo nel gioco era una delle punte più veloci che faceva reparto da sola.
 
10. TO MADEIRA (Scudetto 00/01)
 
 
Punta devastante di un piccolo club portoghese, lo si poteva acquistare a basso costo, compreso l'ingaggio. Nella realtà questo giocatore non è mai esistito, e i "complottisti" del gioco hanno dato vita sui forum ad alcune voci, difficilmente verificabili. A quanto pare il giocatore fake To Madeira sarebbe una burla di Antonio Lopes, il ricercatore portoghese di Championship Manager che aveva creato il suo alter ego. Il profilo fu presto tolto dal database del gioco ma la sua cancellazione non passò inosservata agli appassionati. Secondo una teoria, che sembra uscita da un monologo di Adam Kadmon di Mistero, il nome To Madeira non sarebbe stato scelto a caso, ma conserverebbe in seno un'indicazione geografica che solo gli Illuminati pallonari erano in grado di cogliere. To Maidera, dall'inglese, si traduce con "A Madeira", isola portoghese davanti alle coste del Marocco in cui sorge Funchal, paese natale di un tale Cristiano Ronaldo allora quindicenne e non inserito nella versione di Scudetto 2000/01. Solo una... coincidenza?
 
11. ANDRI SIGBORSSON


Fratello del più noto Kolbeinn, l'attaccante parte dalle giovanili del Bayern Monaco come nuova promessa del calcio islandese. Ma dalla Germania partirà in giro per il mondo collezionando meno di 100 presenze in tutta la sua carriera professionistica durata meno di 10 anni.

12. TARIBO WEST


Messosi in luce con la Nigeria alle Olimpiadi del 1996, viene ricordato ancora oggi per le sue treccine colorate che lo rendono uno dei calciatori con la capigliature più pazze. In Italia ha vestito senza fortuna le maglie di Inter e Milan, prima di andare a giocare in Inghilterra, Germania, Serbia, Qatar Nigeria e Iran. Dopo essersi ritirato, si è autoproclamato pastore pentacostale.

13. ARTURO LUPOLI (Football Manager 2003/04)
 
Cresciuto nelle giovanili dell'Arsenal, Arturo Lupoli sembrava uno di quei giovani destinati a risollevare il calcio italiano. Velocità e finalizzazione le sue armi, nella realtà molto meno efficaci rispetto a quanto sembravano nel videogioco. Dopo qualche stagione in B, ora l'italiano gioca nel SudTirol.
 
14. ANTHONI VAN DEN BORRE (Football Manager 2001/02)
 
Le 28 presenze in nazionale belga, potrebbero far pensare che il nostro giudizio sia un po' severo; in realtà chi ha giocato a Football Manager sa cosa si pensava di questo calciatore. Stando alle premesse, il difensore avrebbe dovuto dominare il palcoscenico del calcio europeo e mondiale. Dopo le giovanili all'Anderlecht ed un paio di cattive esperienze in Italia, anche lui è finito nel dimenticatoio.
 
15. WALTER BASEGGIO (Football Manager 2001/02)
 
Belga come il suo "gemello" Van Den Borre, Baseggio dominava il gioco ed era un regista perfetto. Il problema è che la sceneggiatura della sua carriera non ha rispettato le attese, deludendo al botteghino. Per lui una lunga trafila all'Anderlecht, poi Treviso ed il mesto ritorno in patria.



 
Qual era il vostro giocatore preferito a Football Manager?
tags:  
50€ subito

Scade tra 9 giorni

bonus 200€

Scade tra 7 giorni

20€ subito

Scade oggi! Affrettati!

subito 60€

Scade tra 7 giorni

550€ bonus

Scade tra 9 giorni

Eventi più giocati

20h 05m CSKA M. - Benfica
2.20(1) - 3.45(X) - 3.80(2)
20h 05m FK Karabakh A. - Chelsea
12.00(1) - 5.75(X) - 1.33(2)
22h 50m Juventus - Barcellona
3.05(1) - 3.40(X) - 2.55(2)
22h 50m Atletico M. - Roma
1.95(1) - 3.50(X) - 4.65(2)
22h 50m Paris Saint G. - Celtic G.
1.10(1) - 13.75(X) - 23.00(2)
22h 50m Sporting L. - Olympiakos
1.53(1) - 4.45(X) - 7.50(2)
22h 50m Basilea - Manchester U.
4.20(1) - 3.50(X) - 2.05(2)
22h 50m Anderlecht - Bayern M.
12.00(1) - 6.50(X) - 1.29(2)