Motoestate: lo spirito della competizione

Sabato 21 Gennaio 2017, pubblicata da Martina Carella
Immagine trofeimoto.it | trofeimoto.it.png - 10454
Roma - Dietro le Quinte ha il piacere di intervistare Bruno Sandrini, organizzatore dei trofei Motoestate. Nell'intervista Bruno ci racconterà uno scorcio di storia di questo trofeo, a chi è dedicato e lo spirito che lo caratterizza. Non mancherà di fornire una visione più ampia sulla situazione del motociclismo italiano, su alcuni potenziali campioni ed un pronostico sul trofeo Motoestate! Buona lettura!
Vi ricordo che su SuperScommesse potete trovare il calendario della Serie A, il calendario della Champions League e le migliori quote dell'Europa League.

Buongiorno, grazie per aver accettato l'intervista. Come e quando nasce Trofei Motoestate?
I trofei MES sono quelli presenti sul panorama nazionale dal maggior numero di anni. Nascono nel 1987. Quest' anno festeggeremo quindi i 30 anni. Sono nati quando l'esigenza di sicurezza ha portato le gare di motociclismo verso i circuiti e son sempre stati terreno di sperimentazione di nuove formule di gara e categorie. Da quattro anni sono stati rilanciati da Sh Group, che ne hanno rinnovato il format e attualizzato la comunicazione, per offrire ai moltissimi appassionati di moto lo spettacolo di gare che vedono protagonisti motociclisti non professionisti.

Come è strutturato il vostro staff? 
Il nostro staff si compone di uno zoccolo duro formato da 5 persone che lavora stabilmente all'organizzazione e che si occupa del coordinamento dei vari settori durante i week end di gara. In queste giornate possiamo raggiungere anche il centinaio di persone tra organizzazione, direzione gara, commissari e servizio medico. La struttura dello staff è piramidale, ogni settore fa capo ad un responsabile qualificato, per garantire ai partecipanti il miglior servizio organizzativo, ed in sicurezza possibile. Soprattutto al comparto della sicurezza teniamo in maniera  particolare. 

Quali fonti utilizzate per reperire le notizie? Siete presenti anche sul campo? Nel caso, come gestite questo tipo di mansione?
Siamo presenti sul campo e siamo in costante contatto con i piloti ed i team iscritti al campionato. I due soci di Sh Group, Bruno Sandrini e Filippo Delmonte, si sono occupati per anni di  gestione della comunicazione di team e piloti a livello mondiale, hanno quindi trasferito queste competenze a parte dello staff.

Come prende piede l'idea di rilanciare il trofeo Motoestate?
L'idea di rilanciare il Motoestate, che anche a causa della crisi era un campionato morente, è nata a tavola durante una cena in pista tra la vecchia organizzazione e Bruno Sandrini e Filippo Delmonte. La passione per il motociclismo è stata la scintilla che ha dato nuova linfa a questo campionato, portato avanti per oltre un ventennio dal padre di Filippo con la collaborazione dei soci del MC Ducale, che lui presiede.

Che ne pensate della situazione del motociclismo italiano ai livelli minori? Come si potrebbe facilitare l'ingresso in questo sport per i più giovani? 
In questo momento la situazione non è rosea. La passione per la moto è ancora viva, ma l'età media dei praticanti si è di molto alzata e la moto è sempre più identificata come mezzo turistico e sempre meno come attrezzo per vivere una sfida e misurarsi con l'avversario, soprattutto da parte delle nuove generazioni. Pare che, però, grazie alla reintroduzione sul mercato di moto sportive di piccola cilindrata qualcosa si stia muovendo... Per dare maggior linfa alle competizioni sembra quasi un ovvietà, ma riuscire a far diminuire i costi a cui un pilota va incontro sarebbe di grande aiuto.

Ci sono dei piloti giovani, e talentuosi, di cui sentiremo parlare in futuro per le gesta in categorie della MotoGp o Superbike?
Non è facile vedere in un giovane le caratteristiche del campione. Ci sono ragazzi che sbocciano prima, ma poi si bloccano, e altri che grazie alla determinazione ed al lavoro continuano a progredire durante tutto il corso della loro carriera. Due nomi però mi sento di farli, uno che al mondiale ci è arrivato lo scorso anno: Kevin Manfredi. Un ragazzo che proprio del lavoro e della determinazione ha fatto la sua bandiera e che già lo scorso anno si è imposto a livello nazionale vincendo gare di campionato italiano e ben figurando nelle tappe del mondiale alle quali ha partecipato. Un ragazzo che pare avere le caratteristiche per arrivare è invece Manuel Perseghin, un ragazzo giovanissimo, ma con una grande voglia di vincere e di confrontarsi in moto. Nel 2015 ha vinto nella 600 motodiserie, nel 2016 è arrivato a pari merito con il vincitore della classe regina dei trofei, la 600 Aperta. Sarebbe pronto per un'esperienza internazionale, anche se è ancora molto giovane. Se continuerà su questa via entro 2 -3 anni sentirete parlare di lui.

Vorrei chiudere con un pronostico su un evento che lei ritiene focale nel futuro prossimo.
Un pronostico lo voglio fare sul Motoestate, anche se siamo ancora tanto distanti dall'avvio della stagione: la 125 SP alla quale abbiamo deciso di dare vita sarà una classe che vedrà al via un elevato numero di piloti. Un altro pronostico lo vorrei fare sul mondiale Superbike, che nel 2017 sarà per me appannaggio di Chaz Davies, un altro pilota che fa della tranquillità e della determinazione il suo punto di forza.

Intervista a cura di Andrea Di Ceglie
tags:  
50€ subito

Scade tra 10 giorni

bonus 200€

Scade tra 8 giorni

20€ subito

Scade oggi! Affrettati!

subito 60€

Scade tra 8 giorni

550€ bonus

Scade tra 10 giorni

Eventi più giocati

18h 53m Palermo - Cittadella
1.85(1) - 3.40(X) - 5.00(2)
19h 08m Verona - Bologna
3.10(1) - 3.25(X) - 2.55(2)
19h 23m Brighton Hove A. - Stoke C.
2.60(1) - 3.20(X) - 3.50(2)
19h 23m SD Eibar - Real Betis S.
2.40(1) - 3.45(X) - 3.00(2)
01g 16h 23m Besiktas - Porto
3.05(1) - 3.25(X) - 2.60(2)
01g 16h 23m Spartak M. - NK M.
1.27(1) - 6.50(X) - 13.75(2)
01g 19h 08m Napoli - Shakhtar D.
1.45(1) - 5.25(X) - 7.00(2)
01g 19h 08m Borussia D. - Tottenham
2.25(1) - 3.70(X) - 3.15(2)