Minuto 78: un blog calcistico che non racconta calcio ma uomini

Martedì 8 Marzo 2016, pubblicata da Martina Carella
Roma - Oggi proponiamo una chiacchierata svolta con gli ideatori del blog Minuto 78, un sito veramente ricco di storie alternative ed aneddoti interessanti, come lo definiscono loro "Un blog calcistico che non racconta calcio ma uomini".

Presenta Superscommesse, il sito sempre aggiornato riguardo la comparazione delle quote degli eventi sportivi con i risultati della Serie A ed i pronostici della Serie B.

Buongiorno, come e quando nasce l'idea di Minuto 78? Potete spiegare ai lettori questo nome particolare?

Minuto Settantotto nasce ad aprile dell'anno scorso da un
A necessità. Su internet di calcio se ne parlava in molti casi si riusciva a farlo bene, ma noi volevamo qualcosa di più. A bordo siamo tre ragazzi più un quarto che cura il profilo Twitter e oltre ad una passione per il calcio ci accomuna anche un forte sentimento politico: la sfida è stata mettere insieme i due aspetti. Abbiamo buttato nel cestino la cresta di El Shaarawy e le bizze di Balotelli per concentrarci su calciatori che hanno combattuto contro i fascisti o che leggevano Marx dopo l'allenamento. Ci siamo accorti che un altro calcio esisteva ed era necessario raccontarlo. Importante in questo percorso il titolo del blog, "Minuto Settantotto". Al settantottesimo minuto di Germania Ovest-Germania Est, 22 giugno 1974, Jurgen Sparwasser segna il goal che decreta la vittoria della Germania Est sull'Ovest. Una cosa assurda se si pensa che la Germania Ovest di quegli anni era una delle migliori formazioni di tutti i tempi e che in Germania Est giocavano a calcio gli scarti dell'atletica. Ancora più assurdo è che, per la proprietà transitiva, quella sera il comunismo abbia avuto la meglio sul capitalismo.

Nella descrizione vi definite "un blog calcistico che non racconta calcio ma uomini". Quanto è difficile narrare storie da un punto di vista così impegnativo ed alternativo?
Da qualche mese, per evitare incomprensioni con chi ci segue, la descrizione è diventata: "Minuto Settantotto è un blog calcistico che non racconta calciatori ma comunisti". Quando tiriamo fuori la storia di Ali Gagarin, bomber sudanese che cambiò nome in onore del cosmonauta sovietico, magari la reazione dell'utente x può essere di sorpresa, della serie "ma da dove l'hanno tirato fuori!?", però alla fine per noi non è una faticaccia, alla fine è il calcio che mastichiamo. Faremmo molta più fatica a parlare dei fraseggi del Real Madrid, per esempio.

Le storie presenti nel vostro sito sono tantissime, ce ne sono alcune in particolare alle quali siete legati di più?
Come ho già detto siamo in tre ragazzi e ognuno di noi è legato a particolari ambienti e storie. Alessandro ama molto la questione nord irlandese ed è molto legato alla faccenda di James McClean, giocatore irlandese che rifiutò di indossare il "poppy" in onore dei soldati britannici caduti nella sua terra, Edoardo è espertissimo dell'universo basco e di quel che ruota intorno all'Athletic Bilbao, Gianmarco invece è il più "sudamericano" del trio.

Sul sito è possibile anche acquistare un libro intitolato "Strikers, viaggio in Irlanda del Nord tra George Best e Bobby Sands". Il tema è molto delicato ed interessante ce ne potete parlare un pò?
Il libro "Strikers - Viaggio in Irlanda del Nord tra George Best e Bobby Sands" è un lavoro di Alessandro, fondatore e firma del blog. Ho voluto provare a raccontare come è vissuto il calcio in un contesto sfinito da più di 8 secoli di conflitto che hanno influenzato ogni aspetto della vita in Irlanda del Nord. Parlare di calcio in Irlanda del Nord senza citare i Troubles è impossibile. Per un certo periodo ci ho provato, ma poi ti accorgi che quando Liam Coyle venne fischiato da tutto lo stadio in Irlanda del Nord-Cile e venne accusato di essere un Provo (membro della Provisional IRA) o un fenian bastards (“bastardo cattolico”) solo perché giocava nel Derry City, o quando leggi la leggendaria storia del Belfast Celtic, quando Best venne minacciato dall’IRA e un altro milione di aneddoti che racconto nel libro non puoi far altro che arrenderti. Non puoi raccontare della visita di Eusebio a Derry senza parlare dei quattordici morti del Bloody Sunday.

Rimanendo sul tema dell'editoria, è possibile poter creare una narrativa, con relativi libri o E-book legati al calcio, che non sia fatta per la maggior parte "a titolo gratuito" qui in Italia?
Noi in un certo senso puntiamo a questo e stiamo facendo la nostra piccola parte. Arrivare a farlo diventare un lavoro andrebbe oltre il mero guadagno personale ma significherebbe l'assunzione di una grande importanza nel panorama calcistico.

Passiamo al presente, qual è La storia con la l maiuscola da raccontare in futuro della stagione 2015-2016?
Ce ne sono tante e ne arrivano ancora di più con tutte le proposte di collaborazione che siamo felicissimi di accogliere.

Concludiamo con un pronostico, la Champions League adesso è ripartita e la corsa quest'anno sembra molto aperta, qual è la vostra squadra favorita per il successo finale?

Non sappiamo cosa rispondere a questa domanda, prendiamo in prestito un grandioso pezzo degli amici di Lacrime di Borghetti che a un certo punto dice "..mi sono solo dato 11 minuti e 34 secondi, il tempo del Movement for Piano di Tyshawn Sorey, per scrivere una lettera risentita contro la così chiamata Champions League, il torneo d'èlite che si gioca in Europa, nella vecchia Europa, e che consiste fondamentalmente in una ripetizione eterna e con variazioni minime, neanche alla Goldberg, di giocate in velocità finalizzate da Cristiano Ronaldo, di esultanze risentite (ma verso chi, poi? Verso cosa? Che cazzo vuoi coglione?) di Cristiano Ronaldo, highlights di serpentine di Messi tra poveri difensori bulgari con la faccia di chi prende la metro B a Rebibbia e deve scendere a Eur Fermi per andare a prendere la corriera per il litorale, e pensare che c'è anche chi scrive di calcio su Internet e si lamenta che in questa competizione non ci siano solo Grandi Squadre, perchè quello che vogliamo sono solo le Grandi Partite, con i Grandi Giocatori, così che le Grandi Televisioni possano parlare dell'Avvenimento dell'Anno, ogni martedì c'è l'Avvenimento dell'Anno, e poi il mercoledì si ripete, passano due settimane e di nuovo c'è la Partita da Non Perdere, ed ecco il Bayern Monaco che frantuma squadre a cui può rubare il giocatore più forte pagandolo con i soldi che gli sono rimasti nelle tasche del cappotto dalla notte precedente, ed ecco l'Arsenal che c'è sempre anche se non ha mai vinto un cazzo, ed ecco il Paris Saint Germain ed ecco il Borussia Dortmund ed ecco le Squadre Inglesi e soprattutto ecco il grande Classico tra Real Madrid e Barcellona e mi domando che cazzo ci dobbiamo fare ancora con questo Classico di merda, con questa partita che abbiamo visto e rivisto un milione di volte, quante volte ce la riproporranno fino a farci vomitare, fino a farci strozzare con un osso di pollo di Busquets come lo Zio di Brooklyn, quante volte dovremo riascoltare quella musica gregoriana noiosissima, quante volte ancora?".
tags:  
bonus 100€

Scade oggi! Affrettati!

bonus 105€

Scade oggi! Affrettati!

25€ subito

Scade oggi! Affrettati!

50€ Serie A

Scade oggi! Affrettati!

a scelta

Scade oggi! Affrettati!

Eventi più giocati

20h 49m Bayern M. - Atletico M.
1.67(1) - 4.00(X) - 6.00(2)
20h 49m Benfica - Napoli
2.55(1) - 3.50(X) - 2.90(2)
20h 49m Barcellona - Borussia M.
1.40(1) - 5.50(X) - 8.50(2)
20h 49m Manchester C. - Celtic G.
1.37(1) - 5.50(X) - 9.50(2)
20h 49m Paris Saint G. - Ludogorets R.
1.17(1) - 9.00(X) - 22.00(2)
20h 49m PSV E. - Rostov
1.75(1) - 4.00(X) - 5.50(2)
20h 49m Basilea - Arsenal
3.55(1) - 3.60(X) - 2.30(2)
01g 20h 49m Juventus - Dinamo Z.
1.14(1) - 10.00(X) - 29.50(2)