LiverpoolItalia: tutto l'amore dei tifosi per i Reds

Sabato 12 Novembre 2016, pubblicata da Martina Carella
ntervista LiverpoolItalia intervista Nunzio Esposit
Roma - Dietro le Quinte oggi ha il piacere di intervistare Nunzio Esposito, presidente dell'Official Liverpool Supporters Club Italy. Il sito LiverpoolItalia analizza il mondo dei Reds a 360°, offrendo numerose esclusive riguardo le partite, ma anche contenuti di approfondimento per i veri appassionati. In quest'intervista il presidente ci spiegherà come è nato il sito, come viene gestito e soprattutto ci parlerà del suo amore per il Liverpool. Buona lettura!
Vi ricordo che su Superscommesse potete trovare il calendario di Serie A, le migliori quote di Serie B
e tutti i pronostici di Champions League.

Buongiorno direttore, grazie mille per aver accettato il nostro invito. Da quanto tempo è in attività il sito LiverpoolItalia? Che tipo di evoluzione ha vissuto nel corso del tempo?

Un grazie a voi per l'attenzione che ci dedicate. Il sito LiverpoolItalia nasce nel 2007 con il nome di Anfield.it, l’esigenza di avere una visibilità internazionale ci portò alla scelta di abbandonare il modello del forum come struttura che portavamo avanti dal 2000 e di avere uno spazio tutto nostro che ci identificasse. Il nuovo sito LiverpoolItalia sull’onda dell’entusiasmo e grazie al seguito ottenuto dal vecchio Anfield, nasce nel 2010 con una veste grafica totalmente nuova e rinnovata. Abbiamo avuto il piacere, oltre che l’onore, di pubblicare articoli scritti appositamente per la nostra testata da giornalisti del calibro di Roberto Beccantini e Paolo Condò.

Da cosa nasce la sua passione per il calcio e soprattutto per il Liverpool?
La passione per il calcio mi è stata trasmessa da mio padre, grande appassionato e tifoso del Napoli. Mi comprava gli almanacchi annuali Panini, collezionavamo figurine e nel 1974 per la prima volta iniziò a comprarmi settimanalmente il Guerin Sportivo. Ancora oggi conservo centinaia e centinaia di copie. Ed è proprio su uno di questi che vidi una foto di Kevin Keegan. Maglia rosso fuoco come i pantaloncini e i calzerotti, lo sfondo di uno stadio fantastico, con i tifosi che quasi lo toccavano, fu amore a prima vista. Aspettavo con ansia e trepidazione il mercoledì per conoscere i risultati, perchè in Inghilterra in quel periodo la maggior parte dei campi in inverno diventavano impraticabili per cui vi erano molti rinvii, ma c'erano anche settimane dove si giocavano tre/quattro incontri. Insomma nei miei sogni rivivevo quelle sfide con i nomi dei calciatori e delle squadre così accattivanti. Il beautiful game mi aveva letteralmente stregato.

Curare un sito è molto impegnativo e ancor di più lo è quando si fa informazione riguardo una realtà così distante. Come riuscite a reperire le informazioni? Il lavoro di ricerca richiede grandi sforzi?
Effettivamente il nostro sito è il nostro fiore all'occhiello, sempre costantemente aggiornato con i pre e i post partita e in più notizie di una certa rilevanza che meritano approfondimenti e quindi articoli da prima pagina. Il Liverpool è la nostra grande passione di conseguenza diventa un piacere, oltre che un dovere verso i tanti lettori che ci seguono. Inoltre da qualche anno la società ci ha incaricato di seguire e curare l’account ufficiale dei Reds in lingua italiana, lavoro svolto in modo altamente professionale dal nostro Andrea Ciccotosto.

Da quante persone è gestito il sito? Come viene diviso il lavoro?
Il sito è gestito dal nostro webmaster Riccardo Leone in collaborazione con Alex Tulin il webdesigner, dalla loro proficua collaborazione nascono tutte le novità e gli aggiornamenti necessari. Per gli articoli ci avvaliamo di una redazione composta da circa venti persone, di conseguenza il lavoro viene ben distribuito e riusciamo a svolgerlo in un modo molto fluido, stiliamo un calendario bimestrale ed assegniamo ad ogni redattore uno o massimo due articoli. Inoltre da quest'anno pubblichiamo una Fanzine "The Reds" che distribuiamo gratuitamente in versione PDF a tutte le persone che ci seguono sui vari social network.

Lei personalmente ritiene che il calcio inglese sia superiore rispetto a quello italiano? Quali esempi bisognerebbe seguire nel nostro paese per aumentare la competitività?
Mettendo da parte il fascino che almeno nel mio caso diventa un fattore scontato e volendo analizzare in modo imparziale la questione è innegabile che attualmente la Premier League è il prodotto con più appeal, gli introiti annuali per i diritti TV, circa 2,2 miliardi di euro, superano quelli di tutti i contratti dei principali campionati europei messi insieme. Gli introiti vengono suddivisi in un modo abbastanza equo e la differenza tra la squadra che vince il titolo e l'ultima che retrocede oscilla sui 40 milioni di euro. Tutto questo fa si che anche le cosiddette piccole iniziano ad attrezzarsi e a potersi permettere ingaggi di una certa rilevanza. Il Leicester lo scorso anno è stato l'esempio lampante, programmazione, organizzazione e una piccola dose di fortuna hanno dato vita ad un miracolo che ha stupito gli appassionati di tutto il mondo. Gli esempi da seguire sono tanti, ma direi che il più importante, quello che più salta all'occhio del tifoso sono gli stadi di proprietà, in Inghilterra è sempre stato così, il nostro Liverpool addirittura nasce da una costola dell'Everton proprio per una diatriba dovuta all’aumento richiesto per il fitto del terreno di gioco. Di conseguenza tutti i maggiori club europei nell'ultimo ventennio hanno ristrutturato o costruito nuovi stadi o meglio arene, come oggi la maggior parte vengono chiamate. Ed è frustante vedere come una nazione come l'Italia con squadre di grandi tradizioni giocano ancora in impianti non adeguati e soprattutto non di proprietà, l'unico caso a parte, come ben sapete, è la Juventus, e le differenze economiche di conseguenza con gli altri club stanno diventando sempre più nette con il passare delle stagioni.

In questo momento il Liverpool è al primo posto in Premier League, questo crea grandi aspettative da parte dei tifosi?
Sono proprio le aspettative dei tifosi l'aspetto più pericoloso del percorso intrapreso la scorsa stagione da Jürgen Klopp, questa grande e contagiosa euforia potrebbe giocare brutti scherzi, fortuna che il nostro manager è maestro nel gestire e sdrammatizzare queste situazioni. Leggere il nome Liverpool lì in vetta alla classifica provoca in noi una grandissima emozione, chi come me segue il Liverpool dalla metà degli anni 70' non può rimanere insensibile nel rivedersi lì. Io credo che nessuna squadra al mondo, parlo di squadre con tradizioni e palmares come il nostro, abbia vissuto un periodo così lungo senza vittorie, eccezione fatta per una Champions League, una coppa UEFA e qualche coppa nazionale, ma qui parliamo di quasi trent'anni senza un titolo nazionale, senza una regolare frequentazione nella maggiore competizione europea, la Champions League. Parliamo di un club che per un amichevole in Australia riempie uno stadio da 90.000 spettatori tutti rigorosamente in maglia rossa e che cantano il nostro YNWA in un modo così appassionato da ricreare un atmosfera quasi come se fosse l’Anfiel, sebbene in una terra così lontana. Ancora oggi, nonostante tutto, il Liverpool riscuote un successo mondiale ovunque va ad esibirsi, logica la conseguenza per cui ogni stagione il club organizza tourneè negli States, in Asia o in Oceania. Accontentando i milioni di tifosi sparsi per il mondo.

Essendo Superscommesse il primo comparatore in Italia di quote per scommesse sportive, vorrei chiudere con un pronostico. Quale squadra secondo lei potrà conquistare la Champions League? Chi invece si aggiudicherà l'Europa League?
L'Inghilterra è la patria della scommesse, di conseguenza giocare con moderazione, magari mentre si sorseggia una bella pinta in un pub, diventa un autentico piacere. Diciamo che per questa stagione non vedo particolari favorite in Champions League, molto dipenderà da come le squadre arriveranno in primavera, ad oggi nessuna delle cosidette grandi sta esprimendo un gioco convincente. La sorpresa potrebbe essere l'Atletico di Madrid del Cholo oppure il City di Guardiola. Mentre tra le grandi il Bayern di Ancelotti potrebbe dire la sua. Stanche ed un pò a corto di idee vedo il Real e il Barcellona, anche se i loro top player sono pronti a ribaltare i pronostici. Se devo fare un nome dico Atletico.  Mentre per l'Europa League vedo bene la Roma, lo Zenit e lo Schalke 04, ma sicuramente la vincitrice potrebbe essere una delle terze eliminate in Champions, in questo caso dico Tottenham, anche se la scelta di giocare a Wembley non si sta rivelando una mossa azzeccata.
Un caro saluto a tutti i lettori di Superscommesse.

Intervista a cura di Selin Maddonni
tags:  
bonus 100€

Scade oggi! Affrettati!

bonus 105€

Scade oggi! Affrettati!

25€ subito

Scade oggi! Affrettati!

50€ Serie A

Scade oggi! Affrettati!

a scelta

Scade oggi! Affrettati!

Eventi più giocati

01h 59m Everton - Manchester U.
4.05(1) - 3.60(X) - 2.10(2)
05h 44m Fiorentina - Palermo
1.30(1) - 6.00(X) - 15.00(2)
01g 03h 59m Chievo - Genoa
2.60(1) - 3.10(X) - 3.20(2)
01g 05h 29m Benevento - Cesena
2.07(1) - 3.25(X) - 4.50(2)
01g 05h 44m Deportivo La C. - Real S.
3.10(1) - 3.25(X) - 2.55(2)
01g 05h 59m Middlesbrough - Hull City
1.83(1) - 3.60(X) - 5.40(2)
01g 05h 59m Udinese - Bologna
2.05(1) - 3.35(X) - 4.20(2)
02g 05h 44m Benfica - Napoli
2.55(1) - 3.40(X) - 2.90(2)