Juve, tanta classe poca rabbia: la rivoluzione riuscita a metà

Giovedì 22 Ottobre 2015, pubblicata da francesco mattei
ivoluzione juv
Qualitativamente e tecnicamente ineccepibile quanto compassata e inconcludente. La Juventus di inizio stagione alterna buone prestazioni ad altre, come quella di ieri contro il Borussia, decisamente al di sotto delle aspettative. Dalla società, dall'allenatore e dagli addetti ai lavori un solo coro: "E' normale avere difficoltà quando si affronta un cambio generazionale e si sostituiscono tanti elementi della rosa". Vero, ma dalla Juventus ci si attende sempre tutto e subito, giustamente aggiungiamo noi. Quello che la società e l'allenatore sembrano non avere chiaro è che la qualità, da sola, non basta. Il paradosso è che il tasso tecnico della squadra sembra addirittura maggiore rispetto all'anno scorso. Allora perchè si fatica così tanto? Perchè non si vincono partite che la passata stagione sarebbero terminate con 3 gol di scarto?
Molti individuano nella bassa età media della squadra la ragione principale. In realtà questa è una spiegazione parziale. Ciò che salta all'occhio quando si assiste a una gara dei bianconeri è la completa assenza di cattiveria sportiva. Bel gioco, bei fraseggi, dribbling e colpi di tacco a volontà ma poi si sbatte contro il modesto Borussia Monchengladbach rischiando di compromettere la qualificazione
.

Non è un caso che il miglior reparto della squadra sia la difesa, rimasta per lo più immutata e che può contare sull'esperienza di Chiellini e Bonucci quanto sul carisma di Buffon e Barzagli. Tutto questo manca negli altri reparti, quelli che fanno più fatica. Pogba è il fantasma del fenomeno dell'anno scorso, non perchè sia improvvisamente diventato un "brocco" ma soltanto perchè non può spartire la grande pressione con gente come Vidal e Pirlo, autentici leader, seppure in modi diversi, della mediana bianconera 2014-15.

Discorso analogo quanto ancora più evidente per l'attacco. Dybala, Zaza, Morata e Mandzukic sono tutt'altro che "scarsi". Sono giustamente considerati come astri nascenti del calcio mondiale (Dyabal recentemente incoronato da Leo Messi come suo successore) o campioni in grado di cambiare le partite in ogni istante. Perchè non succede? Perchè non basta giocare bene quandi si ha la palla tra i piedi. Tevez era la rappresentazione terrestre della grinta abbinata alla tecnica. Mordeva le caviglie dell'avversario costringendolo all'errore, non mollava finchè non otteneva anche solo un fallo laterale a favore.

E' fantastico ascoltare mister Allegri nelle interviste post gara: "Non abbiamo giocato bene dal punto di vista tecnico,  abbiamo sbagliaato troppi passaggi. Tecnicamente dovevamo fare meglio". La parola che ritorna puntuale è "TECNICA". Mai una volta che l'allenatore livornese ponesse l'accento sul recupero della palla, sulla necessità di pressare l'avversario, sulla leadership o il carattere degli interpreti. Come se questi aspetti non contassero nel gioco del calcio.

Cara Juve, hai svecchiato la squadra riempendola di giocatori di qualità e classe. Peccato che nessuno li trascini. Cara Juve, la tua rivoluzione è riuscita solo a metà.
tags:   juve
25€ subito

Scade tra 38 giorni

bonus 100€

Scade tra 15 giorni

20€ subito

Scade tra 9 giorni

bonus 105€

Scade tra 10 giorni

5€ no dep

Scade tra 12 giorni

Eventi più giocati

14h 30m Juventus - Lazio
1.55(1) - 4.25(X) - 8.00(2)
17h Palermo - Inter
7.00(1) - 4.25(X) - 1.57(2)
17h Genoa - Crotone
1.57(1) - 4.10(X) - 7.50(2)
17h Bologna - Torino
3.10(1) - 3.35(X) - 2.55(2)
17h Empoli - Udinese
2.75(1) - 3.20(X) - 3.00(2)
17h Pescara - Sassuolo
3.10(1) - 3.50(X) - 2.50(2)
17h Ascoli - Pro V.
2.20(1) - 3.20(X) - 3.85(2)
22h 45m Roma - Cagliari
1.26(1) - 7.00(X) - 13.00(2)