I momenti decisivi nel cammino Champions di Real e Atletico

Sabato 28 Maggio 2016, pubblicata da geilezeit
ammino in champions real madrid cammino in champions atletico madri
La finale di stasera tra Real Madrid e Atletico Madrid è solo l'ultimo atto di un percorso in Champions League lungo e difficile cominciato lo scorso settembre con la prima partita del girone. Entrambe le squadre hanno avuto a che fare con difficoltà e gioie ma anche con momenti decisivi che fin qui ne hanno segnato il cammino in positivo. Prima di assistere quindi alla finalissima di stasera ripercorriamo i tre momenti che su tutti hanno avuto un'importanza fondamentale per permettere alle due squadre di Madrid di arrivare nuovamente in finale dopo quella disputata due anni fa a Lisbona. A primo impatto viene più semplice pensare alle grandi vittorie ottenute dagli uomini di Simeone, in grado di battere forse quelle che erano le due favorite alla vittoria finale, Barcellona e Bayern Monaco. Ovviamente questo accredita moltissimo i colchoneros in vista della finale ma non c'è da sottovalutare neanche il cammino in Champions del Real Madrid capace di ottenere risultati straordinari anche nel bel mezzo di un cambio di allenatore.

Nonostante nella fase finale le partite più toste le abbia avute l'Atletico Madrid, secondo i bookies la favorita nei novanta minuti rimane il Real Madrid. La vittoria della squadra di Zidane viene offerta a 2,60 su Paddy Power
Mentre il successo dell'Atletico viene giocato 3,45 volte la posta su Unibet. Le ragioni di questo trend positivo verso i bancos risiede nella maggior tecnica di cui sono dotati. In più la sicura presenza di Cristiano Ronaldo tra i titolari rafforza ancor di più la tesi dei favori, sulla carta, per il Real Madrid. Attenzione però a sottovalutare l'Atletico che in questa stagione ha dimostrato di poter battere vere e proprie corazzate, anche più forti del Real.

I tre momenti decisivi del cammino in Champions del Real Madrid

  • Un girone (quasi) perfetto
Il Real si presentava ai blocchi di partenza come formazione campione in carica, ma non come squadra da battere. Barcellona e Bayern Monaco sembravano entrambe avere quel qualcosa in più che le rendeva un pizzico favorite rispetto ai blancos. Noncuranti di questo fatto gli uomini di Benitez, il tecnico del Real ad inizio stagione, hanno ottenuto delle prestazioni e delle vittorie fantastiche durante la fase a gironi, con l'unico pareggio in casa del PSG. Miglior attacco, con il Bayern, durante la fase a gironi grazie ai 19 gol, ed anche miglior difesa con soli tre gol subiti, al pari di Bayern e Atletico Madrid.

  • Il 3-0 contro il Wolfsburg
L'andata dei quarti di finale del 6 aprile in Germania sembrava aver posto fine al sogno Champions del Real Madrid. Il 2-0 incassato alla Volkswagen-Arena sembrava impossibile da rimontare, o quasi. Ovviamente adesso è facile parlarne ma la prestazione e soprattutto la personalità del Real Madrid nel match di ritorno ha letteralmente annichilito un Wolfsburg decisamente inerme di fronte alla voglia di vincere messa in campo dai padroni di casa. Uno su tutti fece la differenza quella sera: Cristiano Ronaldo, autore di una tripletta e autentico trascinatore del Real in questa stagione in Champions League.

  • Cristiano Ronaldo
Il giocatore di gran lunga più forte di tutti gli altri in questo periodo. In questo focus parliamo dei tre momenti decisivi che hanno caratterizzato il cammino delle merengues nella massima competizione europea ma se ci fermiamo un attimo a vedere le statistiche del campione portoghese in Champions ci accorgiamo che è impossible tagliarlo fuori da questa analisi. Ronaldo non è un momento, Ronaldo è stato l'uomo del momento durante tutta la Champions League del Real Madrid. Miglior marcatore di questa edizione ed in assoluto della Champions con 16 gol. Non solo, miglior assist man della squadra con 4 assist. Risolutore in partite difficili come contro il Wolfsburg. Non dobbiamo aggiungere altro.

I tre momenti decisivi del cammino in Champions dell'Atletico Madrid


  • La vittoria nell'ultima partita del girone contro il Benfica
Sesta ed ultima giornata del gruppo C. Benfica e Atletico Madrid si trovano entrambe al primo posto con dieci punti ma in virtù del successo 2-1 del Benfica all'andata in terra spagnola, in caso di arrivo a pari punti la prima casella del girone spetterebbe ai portoghesi, in vantaggio negli scontri diretti. L'Estádio da Luz è una bolgia ma con una preziosissima vittoria per 2-1 la squadra di Simeone si porta a casa tre punti e primo posto che le permette di essere testa di serie ai sorteggi per gli accoppiamenti degli ottavi di finale.

  • Il successo ai rigori contro il PSV agli ottavi
Sembrava un sorteggio abbordabile quello che aveva messo gli olandesi di fronte alla squadra di Simeone. Invece 0-0 in Olanda e stesso medesimo risultato in Spagna al Vicente Caldéron. Una sofferenza inaspettata per l'Atletico e i suoi tifosi che dopo i supplementari si sono dovuti aggrappare alla lotteria dei rigori per sperare di passare il turno ai quarti. Proprio i rigori sono stati intensissimi, con calci ad oltranza fino all'8-7 finale in favore dell'Atletico che ha portato agli undici metri veri e propri cecchini: su otto rigori calciati nemmeno un errore.

  • L'eliminazione di Barcellona e Bayern Monaco
Neanche il tempo di festeggiare per la vittoria ai rigori contro il PSV che subito l'urna di Nyon ha riportato sulla terra Simeone e i suoi. Per i quarti di finale il sorteggio è stato tutt'altro che benevolo, pescando come avversario il Barcellona. La fortuna ha voluto però il match di ritorno al Caldéron. Oltre alla fortuna poi c'è stata la bravura dell'Atletico: prima quella di segnare un gol in trasferta (vittoria blaugrana per 2-1), poi quella di compiere una partita praticamente perfetta al ritorno bloccando, e questo ha dell'incredibile, l'attacco del Barça incapace di segnare un gol (successo dell'Atletico per 2-0) . In questo caso dobbiamo dilungarci un attimo per lodare la successiva eliminazione del Bayern Monaco in semifinale. Anche in quel frangente il Vicente Caldéron si è confermato vera e propria roccaforte per i colchoneros, vittoriosi 1-0 all'andata grazie al gol del talentino Saul. Al ritorno il Bayern ha avuto l'occasione di chiudere i conti nel primo tempo senza però riuscirci: in vantaggio per 1-0 Muller non sfrutta il calcio di rigore concesso dall'arbitro Cakir. Nella ripresa pareggi di Griezmann ed il nuovo vantaggio firmato Lewandowski ma a quel punto il Bayern non è riuscito più a infierire, anzi ha rischiato il tracollo se non fosse stato per il rigore fallito nel finale da Fernando Torres.

bonus 100€

Scade oggi! Affrettati!

bonus 105€

Scade oggi! Affrettati!

25€ subito

Scade oggi! Affrettati!

50€ Serie A

Scade oggi! Affrettati!

a scelta

Scade oggi! Affrettati!

Eventi più giocati

08h 07m Milan - Crotone
1.33(1) - 5.65(X) - 13.00(2)
10h 37m Sampdoria - Torino
2.90(1) - 3.35(X) - 2.75(2)
10h 37m Lazio - Roma
3.00(1) - 3.45(X) - 2.55(2)
10h 37m Sassuolo - Empoli
1.87(1) - 3.50(X) - 5.00(2)
10h 37m Pescara - Cagliari
2.50(1) - 3.50(X) - 3.00(2)
10h 37m Verona - Perugia
1.82(1) - 3.65(X) - 5.40(2)
12h 37m Everton - Manchester U.
3.95(1) - 3.50(X) - 2.15(2)
16h 22m Fiorentina - Palermo
1.33(1) - 5.75(X) - 13.00(2)