Errori arbitrali Serie A: classifica senza sviste e moviola in campo

Martedì 17 Gennaio 2017, pubblicata da francesco mattei
rrori arbitrali classifica serie a senza errori arbitrali classifica virtuale serie a errori arbitrali 2016 2017 classifica errori arbitrali classifica senza errori arbitrali classifica virtuale senza errori arbitral
Terminata la 20.a giornata di Serie A, torna il classico appuntamento con gli errori arbitrali analizzati nel dettaglio da Superscommesse. Ricco di episodi da moviola il posticipo di lunedì 16 gennaio tra Torino e Milan, terminato 2-2 con i granata rimontati nella ripresa dopo il doppio vantaggio ottenuto nella prima frazione di gioco. Il Torino recrimina per il possibile 3-0 fallito con il calcio di rigore di Ljajic parato da Donnarumma, precedente graziato per un lieve tocco di mano fuori area che avrebbe meritato l'ammonizione. Sul penalty per i padroni di casa, giusta la decisione dell'arbitro Tagliavento che punisce con il fallo, l'entrata in ritardo di Abate su Barreca. Cinque minuti più tardi, al 37', il fischietto di Terni penalizza il Milan non concedendo ai rossoneri il penalty per il netto fallo di Zappacosta su Bonaventura. Il difensore del Torino colpisce l'avversario nei pressi del dischetto ma l'arbitro lascia proseguire per poi redarguire lo stesso Zappacosta con Bonaventura dolorante a terra. Nel secondo tempo, il Milan segna il gol del pareggio (2-2) con il rigore trasformato da Bacca e scaturito da un ingenuo fallo di Rossettini che trattiene Paletta con Hart, sicuro, in uscita. Altro episodio sfavorevole al Milan, al 56', con il brutto fallo da dietro di Obi su Abate che avrebbe meritato il cartellino rosso diretto. Nel finale, espulso Romagnoli per doppia ammonizione. Poco da recriminare per il difensore milanista che, già ammonito, commette un netto fallo su Belotti.  

Dopo un sabato caratterizzato dalle ottime prove di Calvarese e Giacomelli, impeccabili in Crotone-Bologna e Inter-Chievo, la domenica di Serie A ha visto svariati errori da parte dei direttori di gara. Partiamo subito col match clou della 20a giornata di campionato
: Fiorentina-Juventus, incontro diretto dal signor Banti di Livorno. La viola trionfa 2-1 contro i bianconeri (ancora in vetta alla classifica di Serie A)  grazie ad una prestazione di altissimo spessore sia dal punto di vista tecnico che fisico. Lo stesso Allegri nel post partita ha elogiato la compagine di Sousa lamentando la mancanza di cattiveria dei suoi, giunti al quarto ko stagionale. Al di là dei meriti dei gigliati però, i bianconeri hanno comunque tanto da recriminare. Il primo episodio finito sotto la lente d'ingrandimento dei possibili errori arbitrali della Serie A è il goal del vantaggio della Fiorentina siglato da Kalinic: il croato viene pescato da Bernardeschi, il quale prima di servire il n.9 viola anticipa Alex Sandro con un intervento considerato irregolare dallo staff bianconero. Nel tentativo di recuperare la sfera, sia Bernardeschi che Alex Sandro alzano la gamba; il numero 10 viola anticipa il brasiliano della Juve, e Banti giudica regolare la giocata di Bernardeschi. Scelta corretta a nostra avviso. Errata invece la decisione da parte del direttore di gara di Livorno in merito al mancato rigore assegnato alla Juventus per fallo di mano di Gonzalo Rodiguez: al 33° della ripresa la Juve è sotto 2-1, Pjaca parte palla al piede dalla sinistra, converge verso il centro saltando due uomini viola, calcia in porta e la palla impatta sull'avambraccio sinistro di Gonzalo, il quale fa volume con il corpo. E' indubbiamente l'errore arbitrale di maggior rilievo del 20° turno, insieme al citato mancato rigore concesso al Milan contro il Torino. 

In merito alle gare del pomeriggio invece, è priva di errori arbitrali la prestazione di Damato in Udinese-Roma. Al '17 El Shaarawy entra in area di rigore avversaria, effettua un traversone e la sfera impatta sulla mano destra di Faraoni. Damato fischia il penalty che Dzeko spedirà in curva. Scelta corretta da parte del direttore di gara di Barletta, che conferma di essere in giornata positiva anche nell'episodio relativo al contatto tra Fazio e Zapata al '44: l'arbitro giudica regolare l'intervento del difensore della Roma sulla punta colombiana, che si lascia cadere con qualche secondo di ritardo. Scelta ancora una volta corretta. Così come quella della mancata espulsione nei confronti di Felipe, autore di un fallo a metà a campo nei confronti di Dzeko. I giallorossi hanno richiesto il rosso per fallo da ultimo uomo, ma il bosniaco era a 50 metri dalla porta di Karnezis e pertanto non era una netta occasione da rete: giusta la sola ammonizione.
In Napoli-Pescara direzione tutto sommato positiva da parte di Gavillucci: giusto non fischiare il rigore per presunto fallo di Tonelli su Gilardino al '48. Il Pescara ha protestato ma in realtà è l'attaccante ex Empoli ad aver commesso fallo facendo leva sul corpo di Tonelli con il braccio destro. Unica macchia della prestazione di Gavillucci è il penalty concesso allo scadere ai delfini per un presunto fallo di Hysaj su Mitrita. Lo sgambetto da parte dell'albanese non c'è, pertanto la segnalazione del fischietto di Latina è errata. Nelle altre gare abbiamo prestazioni tutte al di sopra della sufficienza da parte dei direttori di gara. L'unico episodio che ha suscitato grandi proteste è quello relativo all'espulsione di Gasperini in Lazio-Atalanta. Pairetto espelle sia il tecnico della Dea che Inzaghi, entrambi per essere usciti dall'area tecnica. Rosso che ha fatto letteralmente infuriare Gasperini, a rischio squalifica per le parole irriguardose nei confronti del direttore di gara di Torino.

Ricordiamo che da quest'anno partirà la sperimentazione della moviola in campo che, però, non consentirà, almeno per il momento, di ridurre gli errori arbitrali in Serie A
Insieme alla classifica virtuale di Serie A, nostra totale esclusiva, Superscommesse offre anche la più accurata comparazione quote sulle partite di campionato, per dare agli scommettitori sempre il moltiplicatore più vantaggioso, con vincite fino al 30% in più. Considerando che alcuni bookmaker offrono anche dei bonus senza deposito, ossia dei soldi gratis sul conto per scommettere, è decisamente un'occasione da non lasciarsi sfuggire.

CLASSIFICA SENZA ERRORI ARBITRALI 2016-17

Per il quarto anno consecutivo abbiamo redatto la nostra classifica senza errori arbitrali tenendo conto delle sviste degli arbitri, dei punti reali e di quelli virtuali, degli episodi a favore e contro ogni singola squadra che in generale hanno condizionato i risultati di Serie A. Ricordiamo che non c'è immediata correlazione tra gli episodi a favore/contro e il saldo punti. Per chiarezza facciamo un esempio: il Milan batte sul campo la Sampdoria per 1-0. Nella gara, però, si verificano due errori arbitrali, uno a sfavore del Milan (un rigore non concesso) e uno a favore dei rossoneri (un gol annullato alla Samp sullo 0-0). Dunque in tabella si segnalano da una parte un episodio a favore e uno contro. Questa la classifica senza errori arbitrali dopo le prime giornate.

Errori Arbitrali
Punti virtuali
Punti reali
SaldoEpisodi a favore
Episodi contro
Errori Arbitrali 2015/16
Juventus
Roma
Napoli
Lazio
Milan
Inter
Atalanta
Fiorentina
Chievo
Sassuolo
Sampdoria
Cagliari
Genoa
Udinese
Bologna
Torino
Empoli
Crotone
Pescara
Palermo
47
44
41
38
32
34
31
30
27
25
24
23
22
22
21
19
18
14
11
10
45
44
41
40
37
36
35
30
25
21
24
26
23
25
23
29
18
9
9
10
-2
0
0
2
5
2
4
0
-2
-4
0
3
2
3
2
10
0
-5
-2
0
2
1
2
5
5
5
3
4
1
2
1
0
3
1
0
8
2
2
1
1
5
2
3
3
4
1
0
6
5
6
1
2
2
0
-1
1
1
1
1
3
Juve 91/83
Napoli 82/85
Roma 80/79
Inter 67/66
Fiorentina 64/64
Sassuolo 61/61
Milan 57/58
Lazio 54/55
Chievo 50/50
Genoa 46/48
Empoli 46/46
Torino 45/46
Atalanta 45/44
Bologna 42/41
Samp 40/41
Carpi 38/40
Udinese 39/37
Palermo 39/37
Frosinone 31/33
Verona 28/28

Nella tabella che potete vedere in basso vi indichiamo, infine, la classifica senza errori arbitrali, esclusiva di Superscommesse, dei campionati di Serie A 2014-2015 e 2013-2014.

Classifica senza errori arbitrali Serie A 2014-2015Classifica senza errori arbitrali Serie A 2013-2014
Juve 86/87
Lazio 66/69
Roma 69/70
Fiorentina 64/64
Napoli 66/63
Genoa 65/59
Samp 53/55
Inter 59/55
Torino 48/54
Milan 46/52
Palermo 48/49
Sassuolo 55/49
Verona 45/46
Chievo 40/43
Empoli 46/42
Udinese 44/41
Atalanta 35/37
Cagliari 34/34
Cesena 24/24
Parma 33/19
Juve 94/102
Roma 87/85
Napoli 74/78
Fiorentina 69/65
Milan 64/57
Inter 63/57
Torino 60/57
Parma 54/58
Lazio 53/56
Verona 51/54
Atalanta 51/50
Samp 45/44
Udinese 44/43
Genoa 44/44
Cagliari 41/38
Chievo 36/36
Sassuolo 33/33
Catania 29/32
Livorno 26/25
Bologna 26/29

Come funziona la moviola in campo in Serie A

Con la moviola in campo diremo addio alla classifica senza errori arbitrali? Non proprio. L'utilizzo della tecnologia VAR (Video Assistant Referee), infatti, sarà per il prossimo biennio solamente sperimentale e a tutti gli effetti non condizionerà in alcun modo lo svolgimento tradizionale del gioco. E cosa cambia quindi? Cambia che la moviola in campo sarà in un certo senso "blindata". Nella stagione 2016-17, dalla settima giornata in poi, si comincerà con la sperimentazione. Si tratterà, quindi, di una fase offline e dunque non ancora applicata. In sintesi, gli arbitri non interromperanno il gioco. Piuttosto si proverà a tarare il meccanismo dal punto di vista tecnico per farsi trovare pronti in un futuro non troppo lontano. Nella stagione 2017-18, invece, l'applicazione della moviola in campo sarà un po' meno virtuale perché applicata ad un ristretto numero di partite selezionate in cui l'arbitro (e solo lui) potrà richiedere l'ausilio delle immagini. Infine dal terzo anno dovremmo (il condizionale è d'obbligo) dare il benvenuto ufficiale alla tecnologia.

Come funziona la moviola in campo della Serie A. La moviola in campo sarà utilizzata esclusivamente per i seguenti casi:
  • gol/non gol (aggiuntiva al supporto della Goal Line Technology)
  • rigori (verifica della corretta o meno assegnazione di un calcio di rigore)
  • espulsioni
  • scambi di persona (in caso di estrazione di cartellino al calciatore innocente).

Chi decide con la moviola in campo. Sarà l'arbitro, ovviamente, ad avere l'ultima parola sull'episodio arbitrale ma il potere di richiedere un controllo è sia del VAR, l'assistente di bordo campo, sia dell'arbitro stesso. Nel primo caso è lo stesso responsabile della moviola a comunicare all'arbitro tramite microfono wireless la svista, mentre nel secondo è lo stesso arbitro a decidere di visionare in persona il replay, oppure chiedere direttamente al VAR la revisione della decisione, per poi comunicarla ai giocatori.
25€ subito

Scade tra 38 giorni

bonus 100€

Scade tra 15 giorni

20€ subito

Scade tra 9 giorni

bonus 105€

Scade tra 10 giorni

5€ no dep

Scade tra 12 giorni

Scommesse più giocate

05h 23m Brescia - Avellino
2.25(1) - 3.20(X) - 3.75(2)
05h 23m Spal - Benevento
2.10(1) - 3.25(X) - 4.00(2)
05h 23m Carpi - Vicenza
1.75(1) - 3.45(X) - 6.30(2)
05h 23m Trapani - Novara
2.60(1) - 3.10(X) - 3.10(2)
05h 23m Pisa - Ternana
2.15(1) - 3.00(X) - 4.50(2)
11h 08m Milan - Napoli
3.75(1) - 3.60(X) - 2.15(2)
01g 02h 53m Juventus - Lazio
1.55(1) - 4.25(X) - 8.00(2)
01g 11h 08m Roma - Cagliari
1.27(1) - 7.00(X) - 13.00(2)