Diavoltaire - Filosofia Rossonera:un gruppo di amici rossoneri

Giovedì 4 Maggio 2017, pubblicata da Martina Carella
Immagine Diavoltaire- Filosofia Rossonera | diavoltaire-_filosofia_rossonera.png - 10629
Dietro le Quinte ha avuto il piacere di intervistare il direttore responsabile del blog dedicato al Milan, Diavoltaire- Filosofia Rossonera, Kai Tippmann.

Vi ricordo che su Superscommesse.it potete trovare i risultati della Champions League, i pronostici della Serie A e il calendario della Serie B.

Salve direttore, come e quando nasce Diavoltaire-Filosofia Rossonera?
Eravamo un gruppo di amici che ha partecipato per tanti anni al forum Milan della Gazzetta, dove abbiamo imparato a sopportarci – chi più chi meno. Quando tale forum si è deteriorato ulteriormente finendo nel chiudere i battenti, ci siamo radunati in un gruppo su Facebook per non perdere il contatto. Visto che siamo tutti abbastanza prolissi, è nata presto l'idea di condividere le nostre opinioni con il resto del mondo rossonero e a marzo 2013 è iniziata questa nuova avventura.

Qual è il segreto per far funzionare un format come questo?
Essere amici e logorroici di sicuro non guasta, così come una bella dose di umiltà e un po' di tempo a disposizione. Bisogna sacrificare il proprio tempo libero e, visto il delicato periodo storico del nostro Milan, non è sempre facile analizzare le vicende sportive con lucidità, senza ricorrere all'istinto di insultare tutti. D'altro canto scriviamo per la voglia di scrivere e di mettere a confronto le nostre idee, se qualcuno lo legge è un lusso guadagnato.

Perché un visitatore dovrebbe scegliere voi?
Cerchiamo di approfondire e siamo tutti liberi di esprimere le nostre opinioni, senza motivi economici, senza una linea editoriale e senza smanie di protagonismo. Senza fermarci agli slogan, alle verità facili o qualunquismi assortiti. In più, non ci riteniamo detentori di verità assolute. Siamo aperti al dibattito, abbiamo idee diverse tra noi e invitiamo tutti i lettori al confronto, purché siano capaci di esprimere un'opinione senza insultare. Questo si estende esplicitamente a tifosi di altre squadre.

Crede che il Milan possa risollevarsi prima della fine del Campionato?
I margini di classifica che restano da qui alla fine del campionato vietano di parlare di "risollevarci". Abbiamo appena raccolto 2 punti contro Crotone, Pescara ed Empoli; anche se vincessimo tutte le altre, la stagione rimarebbe quella che è: l'ennesima "transizione". Speriamo che almeno durante la prossima stagione potremo vedere una squadra perlomeno sensata e costruita seguendo un'idea.

Cosa crede sia successo alla squadra di Montella nella partita contro il Crotone?
Con tutto il rispetto per il Crotone, al quale auguriamo ogni bene possibile, posso solo dire che se un Milan, seppur ridotto, non lo batte, è per mancanza di stimoli. Se perfino i tifosi non sembrano entusiasti dell'idea di patecipare alle gare di giovedì sera, non me lo aspetto da una squadra della quale fra un mese probabilmente metà dei componenti saranno altrove.

Crede che Donnarumma rimarrà in squadra?
Dipende dai nuovi proprietari. Se hanno un progetto vincente e convincente, il ragazzo potrebbe anche fermarsi, altrimenti è troppo forte per noi e solo un folle gli suggerirebbe di sprecare il suo talento in una società che fu gloriosa. Realisticamente, direi che rimarrà ancora 1-2 anni e poi succederà quello che deve succedere, andrà in un campionato serio, dove troverà stimoli migliori, economici o sportivi che siano. 

Crede che il Milan possa rientrare in Europa League?
La questione è più se vuole entrare in Europa League. I presupposti ci sono tutti, ma quella fra Milan, Inter e la Fiorentina sembra una gara al contrario, nella quale casualmente ci troviamo in testa. Quindi se Viola e Nerazzurri continueranno a perderle tutte, toccherà a noi.

A cura di Roberta Consorti
tags: