Chalcio.com: notizie sempre aggiornate sul calcio svizzero

Mercoledì 19 Ottobre 2016, pubblicata da Martina Carella
ntervista Davide Perego intervista chalcio.co
Roma - Dietro le Quinte oggi vi presenta Davide Perego, direttore responsabile e fondatore del sito chalcio.com, il portale dedicato al calcio svizzero. Grazie al duro lavoro e ad una redazione professionale e appassionata, il sito è riuscito ad avere un grande successo e migliaia di pagine visitate. Il calcio svzzero, sempe poco analizzato dai media nazionali, grazie a chalcio.com viene rivalutato ed apprezzato da un numero sempre crescente di lettori. Buona lettura a tutti!
Vi ricordo che solo su Superscommesse potete trovare le migliori quote di Champions League, il calendario di Serie A
e il calendario di Serie B.

Buonasera direttore, grazie mille per aver accettato l'intervista. Lei è il direttore editoriale e il fondatore di chalcio.com, quando ha avuto l'idea di creare un portale come questo? Perchè?

L'idea è nata dalla completa insoddisfazione per quello che non leggevo sui giornali dopo essere stato allo stadio. Ho pensato che avrei potuto raccontare le mie sensazioni sui protagonisti delle partite. Nella prima decade del 2000, in Svizzera, i siti delle squadre non erano ancora di ottima levatura come allo stato attuale e pensare di essere l'unica voce di eventi che avrebbero meritato di finire sui giornali mi stimolava. Tuttavia, fino al 2006 mi è stato difficile reperire un pc al passo coi tempi e capire che creando un blog avrei potuto condividere le mie emozioni discutendo anche le idee degli altri. Niente immagini, poco dibattito, ma la netta sensazione che la gente avesse necessità di leggere. L'inizio fu abbastanza strano anche perchè non riuscivo a capire se scrivessi solo per me stesso o se ci fosse qualcuno interessato. Decisi anche di autofinanziare un libro che una volta stampato regalai a tutti color che erano interessati: lì dentro è possibile comprendere con maggior precisione che cosa mi ha spinto a creare CHalcio.com. Il percorso è stato complesso e molto impegnativo ma non c'è stato un solo giorno dalla nascita di CHalcio.com senza che venisse pubblicato almeno un nuovo articolo. Con il tempo ed il passa parola, senza aver mai investito in pubblicità, sono arrivati anche gli amici e da qualche settimana il sito è stato addirittura oggetto di interesse da parte di un'azienda che ha proposto di acquistarlo. Gli intenti mi sono sembrati comuni e così mi sono liberato di un bel po' di preoccupazioni e responsabilità. Colgo l'occasione per ringraziare la Wuesse di Walter Savigliano per aver creduto fortemente nel progetto dandomi la possibilità di restare al timone e di migliorare tutto ciò che ruota intorno al sito.

Come ha sviluppato la sua passione per il calcio svizzero?
Da ragazzino ho iniziato a capire come si giocasse al calcio seguendo le partite sulla RSI il sabato sera in compagnia di zio Maurizio. Dal 1974 ad oggi ho seguito migliaia di eventi in TV o sui campi e la passione per il live è rimasta intatta. Nulla può essere raccontato senza inalare il profumo del live. La passione in realtà è rimasta tale. Salvo una breve parentesi, la vita mi ha portato molto lontano dall'idea di riuscire a farne una professione. Non ci ho mai provato anche se per alcuni anni sono stato un collaboratore di alcune testate sia italiane che svizzere. Oggi posso dire che la mia passione è tutta racchiusa in CHalcio.com: un terzo figlio che come gli altri due ha necessità quotidiana di essere coccolato e seguito nel suo percorso di crescita.

Il suo sito analizza proprio tutto il calcio svizzero, dalla Quinta Lega alla Super League. Come viene gestito e diviso il lavoro per coprire tutte le competizioni?
Oggi siamo una dozzina di "malati" e ciascuno, senza alcun obbligo, si propone per seguire una categoria o una squadra in particolare. Poi ci sono coloro che ci scrivono quando hanno voglia. Tra di noi c'è chi non perde un allenamento del Lugano e ne scrive ogni giorno con grande professionalità così come il ragazzino di 16 anni che manda l'articolo sulla partita della propria squadra. Mi piace pensare che CHalcio.com sia cresciuto così tanto proprio perchè chi entra non sa cosa può trovare. Siamo molto "anarchici" in tal senso e può capitare che non si coprano eventi di grande impatto per sviluppare con maggiori forze un derby di 2^ Lega. Abbiamo creato anche un servizio di audio interviste o commenti che distribuiamo gratuitamente tramite whatsapp. Siamo un laboratorio di idee che potenzialmente sarebbero in grado di aumentare considerevolmente i contatti. Oggi viaggiamo con numeri in costante incremento: circa 2000 visitatori al giorno e una media che sfiora le 100.000 pagine lette a settimana.

Quali sono le caratteristiche del calcio svizzero? Cosa lo rende affascinante rispetto al calcio italiano?
Prima di tutto l'appartenenza ad un club. La Super League si gioca in stadi quasi tutti moderni e perfetti per soddisfare le esigenze di chi vuole godere di uno spettacolo divertente in un contesto ancora molto "popolare". In certe realtà è ancora possibile fermarsi dopo la partita a mangiare un bratwurst in compagnia di grandi campioni: questo contribuisce a non diminuire la passione dei più giovani per questo sport e al tempo stesso permette alle old generation di sentirsi ancora a proprio agio entrando in uno stadio. Per quanto criticata da molti addetti ai lavori, la formula della RSL a dieci squadre porta ogni anno aumento di pubblico. L'aver poi creato una categoria intermedia tra la Challenge League e la 1^ Lega (quella chiamata 1^ Lega Promotion) ha permesso alle grandi squadre di far crescere i propri giovani in un contesto di assoluta qualità. Un pò come se le squadre primavera italiane giocassero in Lega Pro fuori classifica. Personalmente considero affascinante e molto "made in USA" il percorso che un numero sempre maggiore di ragazzi è in grado di seguire cogliendo soddisfazioni che in Italia sono per pochi. Come dicono gli americani nelle loro realtà: in Svizzera si può pensare che tutto sia possibile se uno crede nel proprio lavoro e se capace di fare sacrifici. Nulla è impossibile. In Italia, purtroppo, non è così. Inoltre c'è la Coppa Svizzera, competizione che ha mantenuto intatto il proprio fascino e che consente a tutte le squadre di partecipare a partire dai turni di qualificazione. Non si deve sottovalutare quanto sia importante consentire al Basilea di giocare un ottavo di Coppa su un campo di 1^ Lega o di concedere una wild card nel tabellone principale ad una squadra di 4^ Lega che ha vinto la classifica fair play su scala nazionale.

Qual è la competizione favorita dai lettori del sito?
Non ce ne preoccupiamo molto. Cerchiamo per scelta di stare lontani dal gossip, che lasciamo volentieri a coloro che poi sui campi non ci vanno mai, e sviluppiamo i temi che più ci danno soddisfazione. E' statisticamente provato, nonostante la presenza del Lugano, che il campionato di Super League non trovi alcun tipo di seguito anche se spesso approfondito con grande professionalità. Le competizioni più seguite sono quelle di 1^ e 2^ Lega: campionati molto interessanti che chissà per quale motivo vengono quasi totalmente ignorati dalla stampa di lingua italiana. Molto seguita la sezione del calcio giovanile, i ragazzi amano molto i nostri approfondimenti.

In Super League è previsto che non possono giocare più di cinque stranieri a squadra. Crede che questo possa permettere di avere uno sviluppo maggiore del settore giovanile? Uno dei problemi che caratterizza il calcio italiano è la mancanza di talenti, sarebbe una soluzione da adottare in Serie A?
Assolutamente si. Credo che l'inflazione di stranieri abbia vanificato la crescita dei ragazzi italiani, gli esempi si sprecherebbero. La stampa è alleata ad una politica suicida dettando le linee guida non solo a procuratori spesso sotto la linea della competenza, ma a volte influenzando addirittura i club. I risultati non sono pari agli investimenti e lo spettacolo è di gran lunga inferiore a quello dei migliori campionati europei. Aggiungo il progressivo allontanarsi di un legame di stretta identità tra l'appassionato e la propria squadra. Credo che ad esempio il Torino abbia dimostrato nel corso delle ultime stagioni quanto sia importante avere pazienza e lavorare con molti ragazzi italiani. E la squadra di Mihajlovic, che non ha buttato via nulla del lavoro di Ventura, gioca un calcio veramente divertente. Si pensi ad esempio al tandem della nazionale Immobile - Belotti: giocatori che probabilmente non giocherebbero da titolari in nessuna potenza, virtuale, della Serie A.

In conclusione, Superscommesse è il primo comparatore di quote per scommesse sportive, quindi vogliamo chiudere con un pronostico sulla Serie A. Quale squadra secondo lei vincerà il campionato italiano?
Non credo che la Juventus possa temere alcun avversario. Al massimo potrebbe concedere qualche punto in concomitanza di impegni particolarmente impegnativi in campo internazionale. Come il Basilea in Svizzera, la società piemontese lavora su un pianeta di competenza e di formazione che viaggia in un percorso tutto proprio.

Intervista a cura di Selin Maddonni
tags:  
bonus 100€

Scade oggi! Affrettati!

bonus 105€

Scade oggi! Affrettati!

25€ subito

Scade oggi! Affrettati!

50€ Serie A

Scade oggi! Affrettati!

a scelta

Scade oggi! Affrettati!

Eventi più giocati

11h 30m Bayern M. - Atletico M.
1.67(1) - 4.00(X) - 6.00(2)
11h 30m Benfica - Napoli
2.56(1) - 3.50(X) - 2.90(2)
11h 30m Barcellona - Borussia M.
1.40(1) - 5.75(X) - 8.50(2)
11h 30m Manchester C. - Celtic G.
1.36(1) - 5.75(X) - 9.50(2)
11h 30m Paris Saint G. - Ludogorets R.
1.17(1) - 9.00(X) - 22.00(2)
11h 30m PSV E. - Rostov
1.80(1) - 3.85(X) - 5.50(2)
11h 30m Basilea - Arsenal
3.45(1) - 3.60(X) - 2.25(2)
01g 11h 30m Juventus - Dinamo Z.
1.14(1) - 10.00(X) - 29.25(2)