Calciofuorimoda: storie, foto e racconti sul calcio genuino di una volta

Lunedì 22 Febbraio 2016, pubblicata da Martina Carella
La rubrica Dietro le Quinte oggi è lieta di presentarvi il sito Calciofuorimoda ideato da Vincenzo Lacerenza e da Roberto Pivato oggi intervistati da noi. Il sito tratta tutte le storie del calcio dai suoi albori fino all’inizio del nuovo millennio. La rubrica è presentata da Superscommesse, primo sito in Italia per la comparazione delle quote sportive ed aggiornato con tutti i pronostici Serie A e le scommesse europee con i pronostici Champions League ed i pronostici Europa League
.

Buongiorno, come è nato il sito Calciofuorimoda? C'è un aneddoto particolare legato alla sua nascita?
“È nato quasi per caso nell’ottobre del 2014. Io e Roberto Pivato, ci siamo conosciuti bazzicando su una chat di un giochino online. Inizialmente abbiamo dato vita ad un blog dedicato esclusivamente al Milan (la squadra per cui tifo io), poi abbiamo alzato l’asticella, per così dire, decidendo di occuparci di calcio a 360 gradi”.

Quanti siete in redazione a gestire i contenuti del sito?

“Al momento due, ma siamo sempre in cerca di collaboratori, soprattutto per i contenuti del blog, più che per la gestione della pagina Facebook). Abbiamo anche un ragazzo che ogni tanto cura la grafica del blog ed un altro che ci una mano per la pagina Facebook”.

Il sito, come si evince dal titolo, parla di un calcio passato da riscoprire anche grazie alle vostre storie. È difficile reperire tutte queste informazioni?
“Scrivere un articolo su un certo tipo di calcio richiede sicuramente un lavoro certosino, per non dire acribico. Ma una volta fatta una bella scrematura delle fonti, la cosa diviene sicuramente molto più fluida. E poi il nostro movente principale è la curiosità: cercare le informazioni, reperire storie affascinanti e poco conosciute è la parte che preferiamo”.

C'è una storia, una foto o un racconto al quale siete particolarmente legati?
“In verità ce ne sarebbero molti. È davvero difficile sceglierne uno soltanto. Se proprio devo dire qualcosa (Vincenzo), comunque, dico la drammatica vicenda di Antanas Lingis, goleador lituano a cavallo tra gli anni '20 e '30 che, tormentato dalla depressione, tento di suicidarsi sparandosi al cuore. Io (Roberto), invece, come foto dico quella che ritrae la Fiorentina schierata a centrocampo prima di un’amichevole contro l’Admiral Vienna, coi giocatori che eseguono il saluto romano, tutti, tranne Bruno Neri, che più tardi diventerà partigiano e morirà combattendo; come vicenda quella di Carlo Castellani, giocatore dell’Empoli deportato e morto a Mauthausen; oppure quella simile di Arpad Weisz, il grande tecnico ungherese pure lui vittima del nazi-fascismo. Insomma: vicende che vanno al di là del calcio giocato”.

I vostri racconti fino a che periodo arrivano? Parlate anche di storie contemporanee?
“Abbiamo stabilito come limite temporale simbolico il 1999. Del calcio del nuovo millennio non ci occupiamo, non ci interessa e non ci stimola, né esteticamente, né “eticamente”.

Sul vostro gruppo solitamente coinvolgete i vostri fan con domande e quiz sul calcio passato. Tutti promossi o qualche bocciato? Come vi è venuta in mente quest'interessante idea?
“L’idea ci è venuta semplicemente dal desiderio di trasmettere almeno un po’ della nostra curiosità agli utenti. Quello che davvero ci interessa non è tanto sondare la preparazione dell’uno piuttosto che dell’altro, o constatarne l’ampiezza della memoria storico-calcistica (anche se è molto bello osservare come tra i nostri più affezionati fruitori ci siano dei veri esperti in questo senso), ma mettere in moto un processo di ricerca che porti a scoprire, o a riscoprire, storie e personaggi sconosciuti o dimenticati. Ci piace pensare che per rispondere ad un quiz i nostri utenti facciano un po’ come noi nel proporli o nello scrivere i nostri pezzi”.

Concludiamo l'intervista con una domanda sul calcio attuale, come lo vedete adesso il mondo del pallone?
“Io (Roberto) proprio non lo vedo, non lo seguo praticamente per nulla. Lo trovo noioso e brutto nel senso letterale del termine. Sia chiaro, non intendo passare per il bacchettone che non fa altro che rimpiangere i bei tempi andati: problemi legati ai soldi, alle scommesse, a vari tipi di ingiustizie ci sono sempre stati. Ma il calcio di oggi mi sembra non possa più in alcun modo assurgere ad una dimensione “epica”, non sia più in grado di rimandare ad altro, di autotrascendersi per fondersi con la storia e la società. Ormai è puro spettacolo, slegato quasi totalmente dal resto del mondo (almeno ai livelli professionistici); io vedo soltanto calciatori, non uomini. E a me interessano il calciatore in quanto uomo; il calcio in quanto parte dell’esistenza umana; non mi interessa certo uno spettacolo per milionari”.
tags:  
bonus 100€

Scade oggi! Affrettati!

bonus 105€

Scade oggi! Affrettati!

25€ subito

Scade oggi! Affrettati!

50€ Serie A

Scade oggi! Affrettati!

a scelta

Scade oggi! Affrettati!

Scommesse più giocate

05h Villarreal - Steaua B.
1.36(1) - 5.25(X) - 12.00(2)
05h FK Karabakh A. - Fiorentina
3.10(1) - 3.40(X) - 2.50(2)
07h Sassuolo - Genk
2.30(1) - 3.50(X) - 3.40(2)
07h Mainz - FK Gabala
1.33(1) - 5.50(X) - 11.00(2)
07h Rapid V. - Atletico B.
3.30(1) - 3.50(X) - 2.30(2)
07h Astra P. - Roma
3.00(1) - 3.60(X) - 2.45(2)
07h Zorya L. - Manchester U.
13.00(1) - 5.00(X) - 1.36(2)
09h 05m Nizza - Krasnodar
2.70(1) - 3.40(X) - 2.90(2)